Codice Tributo 9451 IRPEF E RELATIVI INTERESSI OMESSA IMPUGNAZIONE

Nel mondo del lavoro, l’Agenzia delle Entrate ha introdotto una serie di codici con lo scopo di facilitare sia il lavoratore che il datore di lavoro, al fine di garantire una relazione efficiente e stabile durante il contratto di lavoro. Nel caso in cui uno dei due abbia bisogno di effettuare un pagamento al quale al momento non può far fronte, si fa ricorso a un codice stabilito dall’Agenzia delle Entrate che prevede un tipo di contratto basato sulla dilazione del pagamento in grandi somme di denaro. Questo codice, che prende il nome di 9451, entra in gioco.

Cos’è il tributo 9451?

Come anticipato, il codice 9451 prevede il pagamento dilazionato in rate di ingenti somme di denaro che il datore di lavoro non possiede al momento, ma che deve dividere in rate per retribuire il dipendente che richiede il pagamento in questa modalità. Questo si verifica specialmente quando il datore di lavoro ha avuto difficoltà economiche e non è stato in grado di pagare regolarmente i propri dipendenti, ma l’attività lavorativa è proseguita. Pertanto, si decide di effettuare i pagamenti dilazionati.

Significato

Il codice 9451 rientra nella categoria “Omessa impugnazione”, ovvero quando è possibile ottenere interessi e benefici se l’Amministrazione Finanziaria nota una certa discrepanza nei pagamenti e la persona responsabile di tali pagamenti non è in grado di fornire una giustificazione valida.

Viene condotta un’indagine approfondita in merito a questa situazione e, in base alla gravità del caso, vengono adottate le relative misure nei confronti sia del lavoratore che del datore di lavoro.

È possibile richiedere una riduzione della sanzione se la persona interessata adempie a una serie di obblighi:

Rinuncia alla liquidazione dell’attività;
Rinuncia all’istanza di accertamento con adesione a suo carico;
Effettua i pagamenti dilazionati entro i limiti stabiliti da un contratto firmato da entrambe le parti.

Quando si utilizza?

Questo codice è legittimo e può essere rintracciato nel Decreto Legislativo n. 218 del 19 giugno 1997, articolo 15.

Viene utilizzato quando l’Amministrazione Finanziaria riscontra un errore nei pagamenti che ogni persona con attività e dipendenti deve effettuare nei confronti dello Stato per poter continuare l’attività lavorativa. Nel caso in cui tale pagamento non sia stato effettuato correttamente e venga scoperto o segnalato dalla persona interessata, si adottano le opportune misure correttive.

L’uso del codice 9451 viene stabilito nell’articolo 15 del Decreto Legislativo 218 del 19 giugno 1997, e viene usato se lAgenzia delle Entrate, previa  verifica,  nel caso in cui trovasse un errore nei pagamenti,  al contribuente verrà  richiesto di integrare i pagamenti mancanti.

Il saldo si effettua sottraendo gli importi a credito compensato dagli importi a debito versati.

Come si versa il tributo 9451?

E’ necessario compilare il modulo F24 fornito dall’Agenzia delle Entrate nella sezione Erario e inserire l’anno in cui sono state registrate le eccedenze di pagamento o direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

Sezione modello F24 da compilare: ERARIO

 

 

 

 

Come compilare il modulo F24 codice tributo 9451

Importo: 6.000,00 Euro
Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento: 2024
Codice dell’Ufficio legale: Roma 1 (RCB)
Codice dell’atto oggetto di definizione : 1068360028

.

SEZIONE ERARIO
IMPOSTE DIRETTE – IVA
RITENUTE ALLA FONTE
ALTRI TRIBUTI E INTERESSI
codice tributo   rateazione/regione/
prov./mese rif.
  anno di
riferimento
  importi a debito
versati
  importi a credito
compensati
  SALDO (A – B)
(1) 9451 (2)   (3) 2024 (4) 6.000,00 (5)  
             
             
             
             
             
codice ufficio   codice atto             TOTALE    A (6)   B (7)   (8)  
(9) RCB   (10) 0 1 0 6 8 3 6 0 0 2 8  

.

Come compilare i campi dell’ F24

   
(1) codice tributo: indicare 9451
(2) rateazione/regione/prov/mese rif: non compilare
(3) anno di riferimento: Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nell’esempio 2024
(4) importi a debito versati: indicare l’importo a debito, nell’esempio 6.000,00
(5) importi a credito compensati: non compilare
(6) TOTALE A: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario
(7) TOTALE B: somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario, non compilare se non sono presenti importi a credito
(8) SALDO (A – B): indicare il saldo (TOTALE A – TOTALE B)
(9) codice ufficio: codice dell’ufficio legale, nell’esempio RCB
(10) codice atto: codice dell’atto oggetto di definizione, nell’esempio 01068360028

Altri articoli correlati interessanti

Codici Tributo in ordine progressivo

Nuovi codici natura

Ravvedimento Operoso Online

 

.

BULLNBEARGAMES

Un mondo di giochi da tavolo, kickstarter e accessori ludici