Poste Italiane

Cessione crediti a Poste Italiane: Le Novità del 2024

A partire dall’8 gennaio, la piattaforma di Poste Italiane consentirà la cessione di nuovi crediti, derivanti da interventi Superbonus e altri bonus edilizi.

Poste Italiane ha recentemente riattivato la piattaforma per l’acquisto di crediti d’imposta, rivolta esclusivamente a persone fisiche che hanno sostenuto direttamente i relativi oneri (prime cessioni) e in risposta alla valutazione preliminare della richiesta presentata dai contribuenti.

Con l’arrivo del nuovo anno, sono previste modifiche riguardanti l’accettazione dei crediti d’imposta. Vediamo di cosa si tratta.

Cessione crediti a Poste Italiane: Beneficiari

Ricordiamo che il servizio di cessione del credito d’imposta è rivolto alle persone fisiche:

Titolari originari di un credito d’imposta che hanno sostenuto direttamente i relativi oneri (prime cessioni).
Titolari di un conto corrente BancoPosta accessibile esclusivamente online, tramite credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).
Coloro che per la cessione si sono avvalsi di un intermediario fiscale riconosciuto dall’Agenzia delle Entrate o di un asseveratore.
Crediti d’imposta cedibili a Poste Italiane

Il servizio è attivo per le richieste di cessione relative ai seguenti interventi:

Superbonus 110%, credito d’imposta ai sensi dell’art. 119 del Decreto Rilancio (DL n. 34/2020).
Ecobonus ai sensi dell’art. 14 del DL n. 63/2013 e dell’art.16-bis, comma 1, lettera h) del Tuir.
Sismabonus ai sensi dell’art. 16, commi da 1-bis a 1-septies del DL n. 63/2013.
Recupero patrimonio edilizio, recupero o restauro facciate, installazione colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, eliminazione delle barriere architettoniche.
Cessione dei crediti d’imposta a Poste Italiane: Calcolo dei Corrispettivi

Dopo l’accettazione del credito, il corrispettivo riconosciuto viene calcolato come percentuale sul valore nominale del credito d’imposta ceduto, variando in base alla tipologia di credito, alla sua durata e alle annualità cedute.

Al momento, l’importo liquidato per la cessione di crediti d’imposta varia in base alla durata:

Superbonus 110% con recupero in 4 anni: 94 euro ogni 110 euro di credito d’imposta.
Altri interventi con recupero in 5 anni: 84,5 euro ogni 100 euro di credito d’imposta.
Altri interventi con recupero in 10 anni: 70 euro ogni 100 euro di credito d’imposta.
L’importo massimo cedibile è di 50 mila euro per cliente, con un limite totale di 150mila euro per tutti i crediti ceduti a Poste Italiane.

Cessione a Poste: Cosa Cambia dal 2024

A partire dall’8 gennaio 2024, saranno cedibili solo le quote annuali fruibili a partire dal 2025, relative a crediti maturati nel 2024 o a rate residue di spese sostenute negli anni precedenti. Queste si aggiungono a quelle già cedibili, fruibili a partire dal 2024, relative a crediti maturati nel 2023 o a rate residue di spese sostenute negli anni precedenti.

In aggiunta alle informazioni sopra indicate, dal 2024 Poste Italiane implementerà ulteriori cambiamenti nel processo di cessione dei crediti d’imposta. Tali modifiche mirano a migliorare l’efficienza del servizio e ad adattarsi alle evoluzioni normative.

Nuovi Requisiti per la Cessione dei Crediti

A partire dall’8 gennaio 2024, chi desidera cedere i propri crediti d’imposta a Poste Italiane dovrà rispettare nuovi requisiti. Sarà necessario che i beneficiari originali del credito siano in regola con l’invio della documentazione necessaria entro le scadenze previste. Inoltre, la procedura di cessione sarà semplificata e accelerata, consentendo una maggiore fruibilità del servizio.

Introduzione di Nuovi Tipi di Crediti Cedibili

Oltre ai crediti già menzionati, Poste Italiane renderà cedibili ulteriori tipologie di crediti d’imposta. Ciò includerà crediti derivanti da interventi di efficientamento energetico in ambito domestico e progetti di riqualificazione urbana. Questa espansione delle opzioni di cessione mira a offrire ai contribuenti maggiori opportunità di sfruttare il servizio in base alle proprie esigenze specifiche.

Incentivi per la Cedibilità delle Quote Annuali

Poste Italiane introdurrà nuovi incentivi per la cedibilità delle quote annuali. I beneficiari che optano per la cessione delle annualità a partire dal 2025 potrebbero beneficiare di condizioni più vantaggiose, promuovendo una distribuzione più equa dei benefici nel tempo. Ciò contribuirà a stimolare ulteriormente la partecipazione al programma di cessione dei crediti d’imposta.

Facilitazioni per l’Utilizzo di Servizi Online

Per favorire una maggiore adesione e semplificare il processo, Poste Italiane potenzierà ulteriormente i servizi online. Questo includerà l’implementazione di strumenti digitali intuitivi per la gestione delle pratiche di cessione, facilitando l’interazione tra i beneficiari e la piattaforma di Poste Italiane.

Conclusioni

Con queste nuove implementazioni, Poste Italiane si impegna a offrire un servizio sempre più efficiente e adatto alle esigenze dei contribuenti. L’obiettivo è agevolare la cessione dei crediti d’imposta, promuovendo al contempo la sostenibilità e l’efficienza nei progetti edilizi e di riqualificazione urbana. Gli aggiornamenti entreranno in vigore a partire dall’8 gennaio 2024, portando ulteriori vantaggi a coloro che scelgono di utilizzare il servizio di cessione crediti di Poste Italiane.

Altri articoli interessanti

Stipendio lordo e netto come calcolarli?

Tempo massimo per emissione fattura allo sdi

Fatture rifiutate dallo SDI cosa fare?

Altre guide di BullNBear le trovi qui:

Le Guide di Bull N Bear

.

BULLNBEARGAMES

Un mondo di giochi da tavolo, kickstarter e accessori ludici