Risparmiare

Carta Risparmio Spesa 2023 e Possibili Novità dal 2024 per la Card Acquisti “Dedicata a Te”

La Carta risparmio spesa 2023 “dedicata a te” rappresenta una luce di speranza per coloro che stanno affrontando gli aumenti dei prezzi di beni e servizi. Con un sussidio di 382,50 euro per la spesa alimentare, questa misura offre un sollievo significativo al bilancio familiare. Inoltre, nel corso del 2024, potrebbero esserci delle novità importanti riguardo a questa carta. In questa guida, esploreremo le caratteristiche principali della Carta risparmio spesa 2023, i requisiti per ottenerla, i negozi convenzionati e le possibili prospettive per il 2024.


Cos’è e Come Funziona la Carta Risparmio Spesa 2023

La Carta di risparmio spesa 2023 è una carta elettronica prepagata del valore di 382,50 euro, erogata dall’INPS tramite i Comuni di residenza. Questo sussidio è destinato ai cittadini che soddisfano determinati requisiti e può essere utilizzato per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità. La Carta risparmio spesa è stata inserita nella Legge di Bilancio 2023 ed è regolamentata dal Decreto del 18 aprile 2023, firmato dai Ministeri dell’Agricoltura e delle Finanze.

Per ottenere la Carta, è necessario rispettare alcuni requisiti, tra cui un valore ISEE non superiore a 15.000 euro. In caso di idoneità, il Comune di residenza comunicherà l’accesso al beneficio.

Graduatorie Carta Risparmio Spesa (Napoli, Milano, Roma, Palermo e altre città)

Le graduatorie dei beneficiari della Carta Risparmio Spesa sono disponibili sui siti istituzionali dei Comuni di residenza. Per verificare se si è idonei, è possibile consultare il sito del proprio Comune o rivolgersi agli uffici comunali. Le principali città italiane come Napoli, Milano, Roma, Palermo e Bari hanno le loro liste di beneficiari.

Quali Sono i Requisiti per Ottenere la Carta Risparmio Spesa

Per ottenere la Carta Risparmio Spesa, è necessario soddisfare i seguenti requisiti:

Iscrizione di tutti i componenti del nucleo familiare nell’Anagrafe della Popolazione Residente.
Valore dell’ISEE non superiore a 15.000 euro.
Con una dotazione di 500 milioni di euro, la Carta Risparmio Spesa sarà distribuita attraverso circa 1,3 milioni di Postepay, ciascuna del valore di 382,50 euro. Saranno i Comuni a comunicare alle famiglie l’assegnazione della Carta e le modalità per il ritiro presso gli uffici postali abilitati.

Come Verrà Distribuita la Carta

La distribuzione della Carta Risparmio Spesa avverrà in base a specifiche regole tecniche. Metà dei buoni sarà assegnata ai Comuni in proporzione alla popolazione residente, mentre l’altra metà sarà assegnata in base alla differenza tra il reddito pro capite medio del Comune e il reddito pro capite medio nazionale, ponderata per la popolazione. Saranno i Comuni a ricevere le indicazioni da INPS sulle famiglie idonee.

Le famiglie con ISEE più basso avranno la priorità nell’assegnazione, ma se ci saranno risorse residue, anche le famiglie più piccole potranno beneficiare del sussidio.

Quali Sono Gli Obblighi per il Beneficiario della Carta

I beneficiari della Carta Risparmio Spesa dovranno fare almeno un pagamento con la Postepay entro il 15 settembre, altrimenti perderanno l’accesso ai fondi. L’importo di 382,50 euro deve essere utilizzato esclusivamente per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità e non può essere utilizzato per bevande alcoliche. Gli acquisti devono essere effettuati presso gli esercizi commerciali convenzionati nel proprio Comune di residenza.

Inoltre, non è possibile cumulare la Carta Risparmio Spesa con altre prestazioni come il reddito di cittadinanza o la cassa integrazione guadagni-CIG.

Qual è la Normativa INPS di Riferimento

L’INPS ha reso disponibili nuove funzionalità relative alla gestione della Carta solidale o Carta Risparmio Spesa. La normativa di riferimento comprende il Decreto del 18 aprile 2023, firmato dai Ministeri dell’Agricoltura e delle Finanze. L’INPS ha pubblicato messaggi informativi per chiarire i requisiti, l’importo del beneficio, le modalità di erogazione e la procedura di individuazione dei beneficiari.

Carta Risparmio Spesa 2024: Possibile Proroga e Novità in Arrivo


La Legge di Bilancio 2024 in corso di approvazione prevede la proroga della Carta Risparmio Spesa per il 2024. Con un aumento di circa 600 milioni di euro per il 2024, la Carta “Dedicata a Te” continuerà a supportare chi ha ISEE sotto i 15.000 euro. Un prossimo decreto del ministero dell’agricoltura definirà l’importo e le modalità di erogazione per il 2024.

Possibili Novità per il 2024


Al momento, non abbiamo informazioni dettagliate sulle novità previste per il 2024. Tuttavia, restiamo in attesa di ulteriori aggiornamenti e aggiorneremo questa guida quando saranno disponibili informazioni più specifiche.

Conclusione

La Carta Risparmio Spesa 2023 “dedicata a te” rappresenta un importante sostegno per le famiglie italiane alle prese con l’aumento dei costi della vita. Con la prospettiva di una proroga per il 2024, questa misura potrebbe continuare a offrire un aiuto prezioso. Assicuriamoci di rispettare i requisiti e le modalità di utilizzo per massimizzare i benefici di questa carta.

Domande Frequenti (FAQs)


1. Chi ha diritto alla Carta Risparmio Spesa 2023?

Le famiglie con un ISEE sotto i 15.000 euro per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità. La lista dei beneficiari è predisposta dall’INPS sulla base dei dati in proprio possesso e comunicata ai Comuni tramite apposita piattaforma. Quindi non tutte le famiglie con ISEE sotto i 15.000 euro ne hanno diritto, ma solo quelle indicate nelle liste predisposte da Comuni e INPS.

2. Quando si fa la domanda bonus spesa 2023?

La Carta Risparmio Spesa sarà utilizzabile a partire da luglio, ma le famiglie beneficiarie che hanno i requisiti per riceverla non dovranno presentare alcuna domanda, in quanto la riceveranno direttamente dal Comune sulla base dei dati comunicati dall’INPS.

3. Qual è l’importo della Carta Solidale Risparmio Spesa?

Il contributo è unico per nucleo familiare ed ammonta a 382,50 euro caricati direttamente su specifica Postepay. L’importo potrebbe aumentare nel caso in cui dall’esito del monitoraggio che effettua Poste Italiane emergessero delle somme residue.

4. Quali sono i negozi convenzionati dove si può utilizzare la Carta Risparmio Spesa?

Il Ministero dell’Agricoltura e la Sovranità alimentare hanno reso noto un elenco aggiornato dei negozi convenzionati con la Carta Risparmio Spesa. È possibile consultare la lista delle Associazioni aderenti alla promozione della misura e degli esercizi commerciali che si sono impegnati all’applicazione della scontistica del 15%.

5. Dove si può ritirare la Carta dedicata a te?

Il beneficiario può recarsi in un qualunque ufficio postale per ritirare la Carta Dedicata a Te. Sono disponibili moduli da stampare, compilare e presentare allo sportello per il ritiro della card.

Altri articoli interessanti

Stipendio lordo e netto come calcolarli?

Tempo massimo per emissione fattura allo sdi

Fatture rifiutate dallo SDI cosa fare?

Altre guide di BullNBear le trovi qui:

Le Guide di Bull N Bear

.

BULLNBEARGAMES

Un mondo di giochi da tavolo, kickstarter e accessori ludici