Bonus

Bonus Elettrico: Tutto Quello che C’è da Sapere

Hai mai sentito parlare del “bonus elettrico” e delle recenti modifiche proposte? Se sei curioso di scoprire cosa sta cambiando in questo programma di agevolazioni sociali, sei nel posto giusto. In questo articolo, esploreremo tutto ciò che c’è da sapere sul bonus elettrico, inclusi gli ultimi aggiornamenti e le prospettive per il futuro. Scopriremo chi può beneficiare di questo bonus, quanto potrebbe ammontare e come accedere a questa preziosa agevolazione. Preparati a entrare nel mondo del bonus elettrico!

Il Bonus Elettrico

Il bonus elettrico è un programma di agevolazioni sociali che mira a ridurre i costi delle bollette energetiche per le famiglie italiane. Questo bonus fornisce un sostegno economico a chi si trova in condizioni di disagio economico o fisico, aiutando a coprire parte delle spese per l’energia elettrica.

L’Attivazione del Bonus

Per attivare il procedimento per il riconoscimento dei bonus sociali, è necessario presentare la dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) ogni anno e ottenere un’attestazione di Isee entro la soglia di accesso ai bonus. In alternativa, è possibile risultare titolari di reddito/pensione di cittadinanza. Questa procedura rimane invariata e garantisce un accesso automatico al bonus.

Chi Sono i Beneficiari?

Chi può beneficiare del bonus elettrico? Il Decreto della Manovra non specifica chi saranno i beneficiari, ma indica come target i titolari del bonus elettrico. Spetterà al governo chiarire se la platea includerà chi rientra nella soglia del bonus ordinario (fino a 9.530 euro di Isee) o se verrà estesa ai nuclei con Isee fino a 15mila euro, come voluto dal governo Meloni. Quest’ultima opzione potrebbe coinvolgere ben 4,3 milioni di potenziali beneficiari.

L’Importanza dell’Isee

L’Isee, o Indicatore della Situazione Economica Equivalente, è un parametro fondamentale per determinare chi può accedere al bonus elettrico. La sua importanza risiede nella definizione della platea dei beneficiari. Se la platea sarà quella più ristretta, l’assegno sarà di circa 71 euro. In caso contrario, il contributo straordinario scenderà a 46 euro circa.

La Proroga del Contributo

Contrariamente a quanto si possa pensare, il contributo straordinario non cesserà alla fine dell’anno in corso. L’ultima bozza della manovra prevede la sua proroga anche per il primo trimestre del 2024. Tuttavia, le risorse sono state ridotte. La definizione delle modalità applicative spetterà all’esecutivo, in collaborazione con l’Arera.

L’Importo del Beneficio

L’importo del beneficio varierà in base alla platea considerata. Per i beneficiari rientranti nella platea più ristretta, l’assegno sarà di circa 71 euro e riguarderà 2,8 milioni di nuclei familiari. Se invece si considera il livello Isee più alto, il contributo scenderà a 46 euro circa.

7. Scadenza dell’Isee a 15mila
In assenza di ulteriori iniziative da parte del governo, la soglia Isee fino a 15mila euro dovrebbe entrare in vigore con la fine dell’anno. Tuttavia, è importante notare che il governo dovrà chiarire questa scadenza.

Il Contributo per il 2023

Il contributo straordinario è previsto per il 2023. Il decreto energia approvato dal Consiglio dei ministri a fine settembre prevede 300 milioni a favore dello stanziamento nell’ultimo trimestre dell’anno. Questo contributo è destinato esclusivamente ai titolari del bonus elettrico, con una erogazione crescente in base al numero dei membri del nucleo familiare.

L’Aggiornamento del Bonus

L’aggiornamento del bonus è stato introdotto con un recente decreto. L’Arera ha allineato il bonus base, rimasto invariato negli ultimi due anni, garantendo una riduzione del 30% della spesa attesa per l’elettricità e del 15% per il gas nel quarto trimestre del 2023.

Le Variazioni nell’Adeguamento

La somma dell’aggiornamento del bonus e del contributo straordinario varia in base alla numerosità del nucleo familiare. L’Arera ha suddiviso i beneficiari in diverse classi di agevolazione. Le famiglie con un Isee fino a 9.530 euro riceveranno un diverso importo rispetto a quelle con un Isee fino a 15mila euro.

Chi Riceverà l’Agevolazione?

Il bonus elettrico rimane un beneficio automatico per chi soddisfa i requisiti. La procedura di attivazione richiede la presentazione della dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) ogni anno e l’ottenimento di un’attestazione di Isee entro la soglia di accesso ai bonus, oppure il possesso del reddito/pensione di cittadinanza.

Bonus Automatico

Il bonus elettrico continua a essere automatico per coloro che soddisfano i requisiti di accesso. Questa semplice procedura assicura che chi ha diritto a questo beneficio possa riceverlo senza complessi adempimenti.

Come Accedere al Bonus per Disagio Fisico?

Il bonus per disagio fisico è destinato ai clienti domestici affetti da gravi malattie o a coloro con fornitura elettrica presso cui viva un soggetto affetto da grave malattia, che richiede l’uso di apparecchiature elettromedicali per il mantenimento in vita. L’elenco delle apparecchiature elettromedicali salvavita idonee è stato stabilito dal Ministero della Salute.

Bonus Cumulabili

È importante notare che il bonus per disagio fisico è cumulabile con il bonus per disagio economico se si soddisfano i requisiti di ammissibilità per entrambi i programmi. Questo significa che chi si trova in condizioni di grave disagio può accedere a entrambi i benefici.

Conclusione

In conclusione, il bonus elettrico rappresenta un sostegno essenziale per le famiglie italiane in difficoltà economica e fisica. Le recenti modifiche apportate dalla Manovra hanno creato alcune incertezze, ma l’importanza di questo programma di agevolazioni sociali rimane invariata. Accertati di soddisfare i requisiti e di seguire la procedura per accedere a questo prezioso beneficio. Il bonus elettrico è qui per aiutarti a gestire i costi energetici e a garantire una vita più confortevole per te e la tua famiglia.

Domande Frequenti


1. Il contributo straordinario cesserà a fine anno?

No, secondo l’ultima bozza della manovra, il contributo sarà prorogato anche nel primo trimestre del 2024, ma le risorse sono state ridotte. Le modalità applicative saranno definite dall’esecutivo in collaborazione con l’Arera.

2. Chi saranno i beneficiari dell’agevolazione?

Il Decreto della Manovra non specifica chi saranno i beneficiari, ma indica come target i titolari del bonus elettrico. Il governo dovrà chiarire se la platea sarà quella del bonus ordinario o se verrà estesa a chi ha un Isee fino a 15mila euro.

3. A quanto potrebbe ammontare il beneficio?

L’importo del beneficio dipenderà dalla platea considerata. Se sarà quella più ristretta, l’assegno sarà di circa 71 euro. Se si considera un Isee più alto, il contributo scenderà a 46 euro circa.

4. Fino a quando si accederà al bonus con Isee fino a 15mila?

In assenza di ulteriori iniziative da parte del governo, la soglia Isee fino a 15mila dovrebbe entrare in vigore con la fine dell’anno. Tuttavia, il governo dovrà chiarire questa scadenza.

5. Il contributo extra è previsto per l’ultimo trimestre 2023?

Sì, è previsto. Il decreto energia approvato a fine settembre prevede 300 milioni a favore dello stanziamento nell’ultimo trimestre dell’anno. Questo contributo è destinato ai titolari del bonus elettrico.

Altri articoli interessanti

Codice Tributo 3918: cos’è e a cosa si riferisce?

CMP Bologna

Menù Mcdonald’s

Altre guide di BullNBear le trovi qui:

Le Guide di Bull N Bear

.

BULLNBEARGAMES

Un mondo di giochi da tavolo, kickstarter e accessori ludici