Bonus

Cessione del credito: gli sconti sono ancora previsti per questi bonus

Introduzione

La cessione del credito è un argomento che suscita sempre interesse quando si parla di bonus fiscali e edilizia. Gli sconti previsti per questa pratica variano dal 15% al 20% dell’importo originario, ma quali sono le condizioni per poter ancora beneficiare di questa opzione? In questo articolo, esploreremo le situazioni in cui è possibile effettuare la cessione del credito in Italia e come funzionano le principali piattaforme di compravendita dei crediti derivanti dai bonus edilizi e dal superbonus.

Cessione del credito: Quando è ancora possibile

La cessione del credito ha subito restrizioni negli ultimi tempi, ma esistono ancora alcune situazioni in cui è possibile accedervi. Vediamo quali sono:

Superbonus

Per gli edifici non condominiali, la cessione del credito è possibile se la CILAS è stata presentata prima del 17 febbraio 2023. Nei condomini, oltre alla data di presentazione della CILAS, deve esserci l’approvazione dell’assemblea sui lavori. Questa opzione è valida anche per le operazioni di demolizione e costruzione con acquisizione del titolo abilitativo entro la stessa data.

Bonus Barriere Architettoniche

In questo caso, è ancora possibile accedere alla cessione del credito e allo sconto in fattura.

Edilizia Libera

Per gli interventi di edilizia libera, la cessione del credito è possibile se i lavori sono già stati avviati o se esiste un contratto vincolante attivo.

Altre situazioni

Anche IACP, cooperative di abitazione a proprietà indivisa, Onlus e le zone colpite da eventi sismici o alluvioni possono accedere ancora alla cessione del credito.

Le Piattaforme di Cessione del Credito

In Italia, quattro principali piattaforme si occupano dell’acquisto e della vendita dei crediti derivanti dai vari bonus edilizi e dal superbonus. Queste piattaforme includono Finanza.tech, Feder Bonus, Girocredito e Sìbonus. Alcune di esse sono state citate direttamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in risposta a interrogazioni parlamentari riguardanti i bonus edilizi.

A Quanto Si Vendono i Bonus Edilizi

I bonus edilizi vengono venduti a prezzi che oscillano tra il 15% e il 20% in meno rispetto al loro valore originario. In generale, vengono scambiate singole annualità, che sono particolarmente richieste. Ad esempio, nel 2023, SiBonus ha gestito 641 cessioni di credito d’imposta, per un valore nominale di quasi 30 milioni di euro. Tuttavia, il valore di vendita è stato di circa 22 milioni di euro.

Commissioni da Versare

Oltre agli sconti applicati durante le compravendite, le piattaforme richiedono commissioni, che possono essere fisse o variabili. Le commissioni fisse possono oscillare dall’1,5% applicato da SìBonus al massimo del 3% richiesto da Federbonus. Finanza.tech e Girocredito, invece, applicano commissioni variabili.

Cessione del Credito e Imprese

Le imprese sono principalmente coloro che effettuano la cessione del credito. Tuttavia, anche i singoli contribuenti possono farlo, soprattutto per la cessione dei crediti d’imposta derivati dal superbonus e dai bonus edilizi. In generale, le imprese sono favorite poiché possono cedere singole annualità, che sono molto richieste.

Cessione del Credito – Domande frequenti

  1. A quanto ammontano gli sconti previsti per la cessione del credito? Gli sconti oscillano tra il 15% ed il 20% del valore originario del credito d’imposta.

  2. Possono cedere i propri crediti dei bonus edilizi anche i privati o possono farlo solo le aziende? Sia i privati che le aziende possono farlo sulle piattaforme online, ma le aziende hanno maggiori possibilità di concludere le operazioni, in particolare per le singole annualità.

  3. Quando è possibile ancora accedere alla cessione del credito? Con le restrizioni attuali del governo, è possibile in situazioni specifiche, come l’edilizia libera e il superbonus, con regole ben precise.

  4. Quali sono le commissioni da versare durante la cessione del credito? Le commissioni possono essere fisse o variabili, con valori che dipendono dalla piattaforma utilizzata. Variano dall’1,5% all’3%.

  5. Cosa succede se il governo modifica ulteriormente le restrizioni sulla cessione del credito? È importante rimanere informati sulle leggi e le restrizioni attuali e adattare la strategia di cessione di conseguenza.

Conclusione

Nonostante le restrizioni, la cessione del credito rimane un’opzione per chi cerca di ottenere benefici dai bonus edilizi e dal superbonus. Con le giuste informazioni e le piattaforme adatte, è ancora possibile sfruttare questa opportunità finanziaria per risparmiare sugli interventi edilizi.

Altri articoli interessanti

Poste Italiane Riapre l’Acquisto dei Crediti d’Imposta per il Superbonus 110%

Superbonus al 90%: Le Novità e le Regole per il 2023

BONUS CARBURANTE 2023: Le Novità e le Opportunità per i Lavoratori

Altre guide di BullNBear le trovi qui:

Le Guide di Bull N Bear

.

BULLNBEARGAMES

Un mondo di giochi da tavolo, kickstarter e accessori ludici