codice tributo 1710

Codice Tributo 1710

Codice tributo 1710 versamento dell’imposta sostitutiva sui redditi di cui all’art.41 comma 1 lettera g-quater del Testo Unico sulle Imposte sui Redditi.

Guida al Codice Tributo 1710 – Versamenti e Normative

Il Codice Tributo 1710 è di fondamentale importanza per i contribuenti che devono effettuare il versamento dell’imposta sostitutiva sui redditi, come stabilito nell’art. 41, comma 1, lettera g-quater del Testo Unico sulle Imposte sui Redditi.

Utilizzo del Codice Tributo 1710

Il contribuente dovrà inserire il Codice Tributo 1710 quando compila il modello F24 per il pagamento dell’imposta. Questo codice va indicato nella sezione Erario del modulo F24. Tuttavia, nel campo rateazione regione prov mese rif non dovrà essere inserito alcun dato. Dopo questa sezione, sarà necessario specificare l’importo da versare e l’anno di riferimento per il pagamento.

Totale A e Totale B

Nel modulo F24, al Totale A, il contribuente dovrà indicare l’ammontare totale del debito dovuto all’Erario. Nel contempo, al Totale B, si inseriranno gli eventuali importi a credito vantati nei confronti dell’Erario. Il saldo finale indicherà la posizione netta del contribuente: potrà trovarsi in una situazione di debito nel caso in cui il Totale A superi il Totale B, oppure in una situazione di credito se il Totale B supera il Totale A.

Imposta sul Reddito di Capitale

Per i redditi di capitale indicati nei commi 1 e 2, dovuti da soggetti non residenti e percepiti da soggetti residenti nel territorio dello Stato, è dovuta un’ imposta sostitutiva dell’ imposta sui redditi con aliquota del 12,50%. Questa imposta sostitutiva può essere applicata direttamente dalle imprese di assicurazioni estere operanti nel territorio dello Stato in regime di libertà di prestazione di servizi. In alternativa, può essere applicata da un rappresentante fiscale, scelto tra i soggetti indicati nell’articolo 23, il quale risponde in solido con l’impresa estera per gli obblighi di determinazione e versamento dell’imposta, provvedendo alla dichiarazione annuale delle somme.

Il percipiente è tenuto a comunicare, ove necessario, i dati e le informazioni utili per la determinazione dei redditi, consegnando, anche in copia, la relativa documentazione o, in mancanza, una dichiarazione sostitutiva nella quale attesti i predetti dati ed informazioni. Nel caso in cui i redditi siano percepiti direttamente all’estero, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 16 bis del testo unico delle imposte sui redditi.

 

Normative di Riferimento

La normativa di riferimento per questa imposta è contenuta nel Decreto del Presidente della Repubblica (D.P.R.) 600 del 99/99/1973, all’art. 26 ter, comma 1. Questo articolo stabilisce che per i redditi di cui all’art. 41, comma 1, lettera g del T.U.R., approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, le imprese di assicurazione devono applicare un’ imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura prevista dall’articolo 7 del decreto legislativo 21 novembre 1997, n. 461.

Il riferimento normativo di questa imposta si ha al D.P.R. 600 del 99/99/1973, art.26 ter comma 1, laddove prescrive che sui redditi di cui all’art.41, comma 1, lettera g del T.U.R., approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.917, l’impresa di assicurazione applica una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura prevista dall’articolo 7 del decreto legislativo 21 novembre 1997, n.461.

Sui redditi di cui all’articolo 41, comma 1, lettera g del citato del Testo Unico sulle Imposte sui Redditi, i soggetti indicati nel primo comma dell’art.23 applicano un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura prevista dall’art.7 del decreto legislativo 21 novembre 1997, n.461.

Sui redditi di capitale indicati nei commi 1 e 2, dovuti da soggetti non residenti e percepiti da soggetti residenti nel territorio dello Stato è dovuta un’imposta sostitutiva dell’imposta sui redditi con aliquota del 12,50 per cento.

L’imposta sostitutiva può essere applicata direttamente dalle imprese di assicurazioni estere operanti nel territorio dello Stato in regime di libertà di prestazione di servizi ovvero da un rappresentante fiscale, scelto tra i soggetti indicati nell’articolo 23, che risponde in solido con l’impresa estera per gli obblighi di determinazione e versamento dell’imposta e provvede alla dichiarazione annuale delle somme.

Il percipiente è tenuto a comunicare, ove necessario, i dati e le informazioni utili per la determinazione dei redditi consegnando, anche in copia, la relativa documentazione o, in mancanza, una dichiarazione sostitutiva nella quale attesti i predetti dati ed informazioni.

Nel caso in cui i redditi siano percepiti direttamente all’estero si applicano le disposizioni dì cui all’articolo 16 bis del testo unico delle imposte sui redditi.

Come si paga il Codice Tributo 1710?

Per mezzo del servizio presente nell’area riservata del soggetto passivo IVA presente sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate

Con addebito su conto corrente bancario o postale,

Utilizzando il Modello F24 predisposto dall’Agenzia delle Entrate con modalità esclusivamente telematica. 

Sezione modello F24 da compilare: ERARIO

 

Come compilare il modulo F24 tributo 1710

Importo: 8.000,00 Euro
Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento: 2023

.

SEZIONE ERARIO
IMPOSTE DIRETTE – IVA
RITENUTE ALLA FONTE
ALTRI TRIBUTI E INTERESSI
codice tributo   rateazione/regione/
prov./mese rif.
  anno di
riferimento
  importi a debito
versati
  importi a credito
compensati
  SALDO (A – B)
(1) 1710 (2)               (3) 2023 (4) 8000 (5)  
             
             
             
             
             
codice ufficio   codice atto             TOTALE    A (6)   B (7)   (8)  
(9)     (10)    

.

Come compilare i campi dell’ F24

(1) codice tributo: indicare 1710
(2) rateazione/regione/prov/mese rif: non inserire
(3) anno di riferimento: Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nell’esempio 2023
(4) importi a debito versati: indicare l’importo a debito, nell’esempio 8.000,00
(5) importi a credito compensati: non compilare
(6) TOTALE A: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario
(7) TOTALE B: somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario, non compilare se non sono presenti importi a credito
(8) SALDO (A – B): indicare il saldo (TOTALE A – TOTALE B)
(9) codice ufficio: non compilare
(10) codice atto: non compilare

Conclusioni

In conclusione, il Codice Tributo 1710 è essenziale per il versamento dell’imposta sostitutiva sui redditi di cui all’art. 41, comma 1, lettera g-quater del Testo Unico sulle Imposte sui Redditi. È importante comprenderne l’utilizzo e rispettare le normative di riferimento per una corretta procedura fiscale

Altri articoli correlati interessanti

Codici Tributo in ordine progressivo

Nuovi codici natura

Ravvedimento Operoso Online

 

 

 

.

BULLNBEARGAMES

Un mondo di giochi da tavolo, kickstarter e accessori ludici

Privacy Policy Cookie Policy