codice tributo 3914

Codice Tributo 3915 IMU  IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER I TERRENI stato

Il codice tributo 3915 è un codice tributo F24 utilizzato per il pagamento dell’IMU, ovvero l’Imposta Municipale Unica. Questo articolo fornirà informazioni sul codice tributo 3915, le sue caratteristiche e come utilizzarlo nel modello F24.

Che cos’è il Codice Tributo 3915 dell’IMU?

Il codice tributo 3914 è specificamente associato al pagamento dell’IMU. L’IMU è un’imposta introdotta dall’Agenzia delle Entrate nel 2012 ed è legata a diversi codici tributo. È fondamentale distinguere correttamente i codici tributo per evitare problemi con il sistema fiscale.

A differenza di quanto si pensi comunemente, l’IMU non riguarda solo le proprietà immobiliari, ma si applica anche ai terreni. Nel caso specifico, il codice tributo 3914 si riferisce all’IMU sui terreni, in particolare alla quota comunale dell’imposta. Spesso si confonde il codice tributo 3914 con il 3915: la differenza principale è che il 3914 si riferisce alla quota comunale, mentre il 3915 si riferisce alla quota statale dell’IMU.

Un altro errore comune è confondere il codice tributo 3915 con il codice tributo 3918. Il codice tributo 3918 viene utilizzato per il pagamento dell’imposta municipale propria sugli immobili, inclusi quelli classificati come “altri fabbricati”, seconde case e prime case classificate nei gruppi catastali A1, A8 o A9.

Calcolare l’IMU sui terreni

L’IMU (Imposta Municipale Unica) è un’imposta che riguarda non solo gli immobili, ma anche i terreni. Calcolare correttamente l’IMU sui terreni è fondamentale per evitare errori e garantire un pagamento adeguato. In questo articolo, forniremo informazioni dettagliate su come calcolare l’IMU sui terreni in Italia.

Codici catastali e moltiplicatori

Per calcolare l’IMU sui terreni, è necessario fare riferimento ai codici catastali. I codici catastali sono un sistema di identificazione utilizzato per classificare le diverse tipologie di terreni. Ogni codice catastale ha associato un moltiplicatore, che serve a determinare l’importo dell’IMU da pagare per quel particolare tipo di terreno.

È possibile ottenere i codici catastali necessari consultando gli atti di proprietà o il catasto. In alternativa, è possibile rivolgersi a un professionista del settore per ottenere assistenza e informazioni precise sui codici catastali corretti.

Formula di calcolo

Una volta ottenuti i codici catastali corretti, è possibile procedere al calcolo dell’IMU sui terreni. La formula di calcolo dell’IMU è la seguente:

Importo IMU = (Valore catastale * Moltiplicatore) * Aliquota IMU

Valore catastale: È il valore attribuito al terreno dal catasto. Può essere ottenuto dai documenti ufficiali o dagli atti di proprietà.
Moltiplicatore: È il valore associato al codice catastale del terreno. Serve a determinare la categoria e le caratteristiche del terreno.
Aliquota IMU: È l’aliquota percentuale stabilita dal Comune in cui si trova il terreno. L’aliquota può variare da Comune a Comune.
Applicando correttamente la formula di calcolo, è possibile determinare l’importo dell’IMU da pagare per il terreno in questione.

Pagamento dell’IMU sui terreni

È importante considerare che per calcolare l’IMU è necessario fare riferimento ai codici catastali. I dati pertinenti possono essere ottenuti tramite gli atti di proprietà o consultando il catasto. Le proprietà devono seguire specifici moltiplicatori in base alle caratteristiche catastali per determinare l’importo da pagare.

Nel caso in cui il contribuente non riesca a effettuare il pagamento in tempo, è possibile avvalersi del ravvedimento operoso utilizzando il modello F24 entro un anno dalla scadenza. Ciò consente di beneficiare di sanzioni e interessi meno onerosi.

Come compilare il Modello F24 per il pagamento dell’IMU sui terreni

Il pagamento dell’IMU sui terreni viene effettuato utilizzando il modello F24. Di seguito, vediamo come compilare correttamente il modello:

Identificazione del contribuente: Inserire i propri dati anagrafici, codice fiscale e indirizzo.
Codice tributo: Inserire il codice tributo corretto per l’IMU sui terreni, che nel nostro caso è il 3914.
Importo: Indicare l’importo da pagare per l’IMU sui terreni calcolato in base alle specifiche catastali.
Rateazione: Nel caso in cui si scelga di pagare in due rate, specificare l’importo relativo all’acconto e al saldo.
Modalità di pagamento: Scegliere la modalità di pagamento desiderata, ad esempio bonifico bancario o pagamento online.
Data e firma: Apporre la data e la firma per confermare il pagamento.
È importante compilare correttamente il modello F24 per evitare errori e ritardi nel pagamento dell’IMU sui terreni. In caso di dubbi o difficoltà, è consigliabile consultare un esperto fiscale o rivolgersi all’Agenzia delle Entrate per ottenere chiarimenti.

 

Cosa sono le aree edificabili ?

Sono tutti quei terreni in cui si possono realizzare delle costruzioni.

Se un terreno è edificabile lo si vede dal Piano Regolatore Generale (P.R.G.).

Prima di pagare l’IMU su un terreno edificabile è meglio chiedere, al Comune, il rilascio di un certificato di destinazione urbanistica.

Il certificato indicherà in che zona si trova il vostro terreno (edificabile, agricola, industriale, ecc..). Se il terreno si trova in zona edificabile, il passo successivo che dovete fare è quello di chiedere all’ufficio IMU (o ufficio tributi) il prezzo per mq.

All’ufficio dovete specificare, la volumetria edificabile che ha il vostro terreno in base a ciò che risulta dal certificato di destinazione urbanistica.

In genere, le tariffe, ai fini IMU, dei terreni edificabili vengono approvate, periodicamente, dal Comune (in genere con delibera della Giunta Municipale).

Dopo avere riscontrato la tariffa al mq del vostro terreno edificabile, potete procedere al calcolo IMU (tariffa x metri quadrati x aliquota).

Una volta ricavato l’importo da pagare, potete procedere ad effettuare il pagamento col codice tributo 3915 utilizzando l’apposito modello F24

Quando si versa il tributo 3915?

L’importo può essere versato in due soluzioni, ovvero con un solo versamento oppure optando per la suddivisione degli importi.

La prima parte deve essere necessariamente versata entro il 16 giugno dell’anno in corso,  se cade in un giorno festivo, dovrà essere versato entro e non oltre la data del 17 giugno .

Per quanto concerne il secondo importo dovrà invece essere versato entro il 16 dicembre dell’anno in corso.

Come si versa il codice tributo 3915?

Per mezzo del servizio presente nell’area riservata del soggetto passivo IVA presente sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate Modello F24 con modalità telematiche, direttamente oppure tramite intermediario (nel caso di utilizzo di crediti in compensazione di cui alla risoluzione n. 110/E del 31/12/2019, oppure in caso di modello F24 a saldo zero, il modello F24 deve essere presentato esclusivamente utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel; negli altri casi, il modello F24 può essere presentato anche mediante i servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e altri prestatori di servizi di pagamento convenzionati con l’Agenzia delle Entrate).

Sezione modello F24 da compilare: IMU e altri Tributi Locali

Conclusione

Il codice tributo 3914 è essenziale per il pagamento dell’IMU sui terreni. È fondamentale comprendere le sue caratteristiche e utilizzarlo correttamente nel modello F24. Seguendo le indicazioni fornite e utilizzando gli strumenti adeguati, i contribuenti saranno in grado di gestire in modo efficace il pagamento dell’IMU sui terreni, evitando problemi con il sistema fiscale e beneficiando di sanzioni e interessi meno onerosi.

Bullnbear 

 

Come compilare il modulo F24 tributo 3915

Importo: 3.000,00 Euro
Anno di imposta: 2023
Comune competente per l’imposta : Reggio Emilia
Numero immobili: 2
Pagamento in acconto

.

SEZIONE IMU ED ALTRI TRIBUTI LOCALI Id Operazione  
codice ente/
Ravv
Imm
Acc
Saldo
num
codice tributo
rateazione/
anno di
importi a debito
 
importi a credito SALDO (G – H)
codice comune var immob mese rif. riferimento versati compensati
-1 H223 -2   -3   -4 X -5   -6 2 -7 3915 -8   -9 2023 -10 3.000,00 -11  
                         
                         
                         
Detrazione TOTALE  G -12   H -13   -14  
-15    
                                         

.

Come compilare i campi dell’ F24

(1) codice ente/codice comune: Codice comune (Tabella dei Codici Catastali dei Comuni), nell’esempio H223
(2) ravv.: barrare la casella in caso di ravvedimento
(3) immob. variati: barrare se sono intervenute variazioni per uno o più immobili che richiedono la presentazione della dichiarazione di variazione
(4) acc.: barrare la casella se il pagamento si riferisce all’acconto
(5) saldo: barrare la casella se il pagamento si riferisce al saldo. Se il pagamento è effettuato in un unica soluzione barrare entrambe le caselle
(6) numero immobili: indicare il numero degli immobili (massimo 3 cifre), nell’esempio 2
(7) codice tributo: indicare 3915
(8) rateazione/mese rif: non compilare
(9) anno di riferimento: Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nell’esempio 2021
(10) importi a debito versati: indicare l’importo a debito, nell’esempio 3.000,00
(11) importi a credito compensati: non compilare
(12) TOTALE G: somma degli importi a debito indicati nella sezione IMU e Altri Tributi Locali
(13) TOTALE H: somma degli importi a credito indicati nella sezione IMU e Altri Tributi Locali, non compilare se non sono presenti importi a credito
(14) SALDO (G-H): indicare il saldo (TOTALE G – TOTALE H)
(15) detrazione: non compilare

Altri articoli correlati interessanti

Codici Tributo in ordine progressivo

Nuovi codici natura

Ravvedimento Operoso Online

 

.

BULLNBEARGAMES

Un mondo di giochi da tavolo, kickstarter e accessori ludici