Codice tributo 1003

Codice Tributo 1003 Ritenute su emolumenti corrisposti per prestazioni stagionali

Il codice tributo 1003 è quello che il contribuente deve utilizzare per il versamento con il modello F24 delle ritenute sugli emolumenti per prestazioni stagionali. Per capire di cosa parliamo, bisogna considerare che i redditi percepiti dal contribuente nel corso dell’anno vanno a formare la base imponibile, sulla quale graveranno le aliquote Irpef. Parliamo dei redditi da lavoro dipendente o autonomo, da pensioni, le riscossioni dei canoni di locazione sotto il regime ordinario, la cassa integrazione, l’indennità di disoccupazione, di mobilità, l’assegno alimentare corrisposto in via provvisoria ai dipendenti per i quali pende il giudizio dinnanzi all’Autorità giudiziaria, l’indennità di malattia.


Ci sono alcune situazioni, tuttavia, per le quali non sarebbe corretto che il contribuente versasse al Fisco le imposte, sulla base delle aliquote ordinarie. Una di queste si ha con la percezione di emolumenti arretrati, quelle dovute a prestazioni di lavoro dipendente riferibili a anni precedenti, percepiti per effetto di leggi, contratti collettivi, di sentenze o atti amministrativi, sopravvenuti o per altre cause non dipendenti dalla volontà delle parti.

In questi casi, l’imposta deve essere applicata separatamente dagli altri redditi posseduti nello stesso periodo d’imposta, in modo da evitare che la progressività del nostro sistema fiscale svantaggi ingiustamente il contribuente, per effetto del cumulo dei redditi.

Attenzione, però: la tassazione separata viene esclusa per i casi, in cui il ritardo nella percezione degli emolumenti abbia un carattere fisiologico, ovvero sia conforme ai tempi tecnici derivanti, ad esempio, dall’esecuzione di una sentenza, etc.

Qualora, invece, il ritardo non assuma caratteristiche fisiologiche, la tassazione separata si applica. Si moltiplica sugli emolumenti arretrati l’aliquota, tenendo conto degli anni di maturazione di tali redditi. Una volta determinata l’aliquota media, essa si applica sull’intera somma percepita a titolo di arretrati e si ottiene la ritenuta da versare al Fisco, utilizzando il codice tributo 1003.

Per tenere conto delle modifiche al regime fiscale e dell’alleggerimento delle aliquote, è stata introdotta negli anni scorsi la cosiddetta clausola di salvaguardia, in riferimento agli emolumenti tassati dal 2002 al 2004 e percepiti fino al 2005. Tale previsione è tesa ad impedire che il contribuente paghi ugualmente al Fisco con la tassazione separata un importo maggiore di quello che sarebbe dovuto con le aliquote ordinarie successivamente introdotte.

Dunque, il codice tributo 1003 deve essere utilizzato per il versamento delle ritenute nei casi di assoggettamento di parte del proprio reddito alla tassazione separata.

 

Soggetti interessati

Imprenditori artigiani e commercianti, agenti e rappresentanti di commercio, ecc.
Lavoratori autonomi, professionisti titolari di partita Iva iscritti o non iscritti in albi professionali
Società di persone, società semplici, Snc, Sas, Studi Associati
Società di capitali ed enti commerciali, SpA, Srl, Soc. Cooperative, Sapa, Enti pubblici e privati diversi dalle società
Istituti di credito, Sim, altri intermediari finanziari, società fiduciarie
Enti che non svolgono attività commerciali

Il codice tributo 1003 riguarda l’IRPEF imposta sulle persone fisiche è un’imposta diretta, poiché colpisce direttamente la ricchezza prodotta da un soggetto: essa si calcola in percentuale ed è dovuta da tutti i lavoratori. L’IRPEF è dovuta per una parte allo stato e per un’altra parte alla Regione e al Comune. Infatti, oltre all’IRPEF nazionale sono dovute anche le addizionali regionali e comunali, le cui aliquote sono decise direttamente dall’ente locale, nei limiti stabiliti dalla legge

Ravvedimento operoso Codice Tributo 1003

In caso di mancato versamento delle imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, il contribuente può mettersi in in regola grazie al ravvedimento operoso, con cui dichiara all’Agenzia delle Entrate il mancato pagamento. In questo modo, l’Agenzia ti applica una sanzione ridotta maggiorate degli interessi a partire dal giorno in cui avresti dovuto pagare. Per calcolare l’importo dovuto puoi utilizzare il nostro Calcolatore on line del Ravvedimento Opreroso

Quando si paga il Codice Tributo 1003?

I sostituti d’imposta devono versare le ritenute entro il giorno 16 del mese successivo a quello del pagamento.

Il pagamento delle ritenute alla fonte il cui termine cade di sabato o di giorno festivo è considerato tempestivo se effettuato il primo giorno lavorativo successivo.

Il Codice Tributo 1003 è compensabile?

Si.  Vedi esempio di compilazione sotto

Altri tributi riguardanti lRPEF

1001  Ritenute su retribuzioni, pensioni, trasferte, mensilità aggiuntive e relativo conguaglio
1002  Ritenute su emolumenti arretrati
1004 Ritenute sui redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente
1012  Ritenute su indennità per cessazione di rapporto di lavoro

Come si versa il Codice Tributo 1003?

Per mezzo del servizio presente nell’area riservata del soggetto passivo IVA presente sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate. Modello F24 con modalità telematiche, direttamente oppure tramite intermediario (nel caso di utilizzo di crediti in compensazione di cui alla risoluzione n. 110/E del 31/12/2019, oppure in caso di modello F24 a saldo zero, il modello F24 deve essere presentato esclusivamente utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel; negli altri casi, il modello F24 può essere presentato anche mediante i servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e altri prestatori di servizi di pagamento convenzionati con l’Agenzia delle Entrate).

Sezione modello F24 da compilare: ERARIO

Bullnbear 

 

Come compilare il modulo F24  codice tributo 1003

Esempio 

Importo: 2.000,00 Euro
Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento: 2022
Mese di riferimento Aprile

.

SEZIONE ERARIO
IMPOSTE DIRETTE – IVA
RITENUTE ALLA FONTE
ALTRI TRIBUTI E INTERESSI
codice tributo   rateazione/regione/
prov./mese rif.
  anno di
riferimento
  importi a debito
versati
  importi a credito
compensati
  SALDO (A – B)
(1) 1003 (2)    04          (3) 2022 (4) 2000 (5)  
             
             
             
             
             
codice ufficio   codice atto             TOTALE    A (6)   B (7)   (8)  
(9)     (10)    

.

Come compilare i campi dell’ F24

(1) codice tributo: indicare 1003
(2) rateazione/regione/prov/mese rif: nell’ esempio aprile 04
(3) anno di riferimento: Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nell’esempio 2022
(4) importi a debito versati: indicare l’importo a debito, nell’esempio 4.000,00
(5) importi a credito compensati: non compilare
(6) TOTALE A: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario
(7) TOTALE B: somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario, non compilare se non sono presenti importi a credito
(8) SALDO (A – B): indicare il saldo (TOTALE A – TOTALE B)
(9) codice ufficio: non compilare
(10) codice atto: non compilare

Altri articoli correlati interessanti

Codici Tributo in ordine progressivo

Nuovi codici natura

Ravvedimento Operoso Online

 

 

 

 

.

BULLNBEARGAMES

Un mondo di giochi da tavolo, kickstarter e accessori ludici

5 1 vote
Article Rating
Bull N Bear

Pin It on Pinterest