Big Data

I servizi finanziari stanno affrontando una sfida sempre più complessa: la prevenzione delle frodi finanziarie. In un’epoca in cui la tecnologia avanza a ritmo frenetico, il settore finanziario deve adattarsi e adottare nuove strategie per proteggere i propri clienti e se stessi. Uno strumento cruciale in questa lotta contro le frodi è rappresentato dai Big Data.

Analisi dei Big Data per la Prevenzione delle Frodi Finanziarie

Secondo uno studio condotto da Forrester Consulting per conto di Xerox, sempre più aziende del settore finanziario stanno adottando l’analisi dei Big Data come parte integrante delle loro strategie di prevenzione delle frodi. Il 48% degli IT e dei decision-maker di 90 aziende del settore finance e insurance ha dichiarato di voler analizzare gli storici dei clienti per identificare e affrontare i comportamenti fraudolenti nel corso dei prossimi 12 mesi.

L’utilizzo dei Big Data consente alle aziende di individuare modelli e anomalie nei dati, rivelando potenziali frodi o comportamenti sospetti. L’analisi dei dati storici dei clienti può aiutare a identificare tendenze e schemi che potrebbero passare inosservati attraverso metodi tradizionali. Ad esempio, l’identificazione di una serie di transazioni insolite o una variazione improvvisa nei modelli di spesa di un cliente potrebbe indicare un potenziale rischio di frode.

Sfide e Opportunità per i Servizi Finanziari

Il sondaggio condotto da Forrester Consulting ha anche evidenziato le principali sfide che i servizi finanziari devono affrontare nell’implementazione di strategie basate sui Big Data. Il 44% dei partecipanti ha citato la sicurezza dei dati e la privacy come una delle principali preoccupazioni. Con l’entrata in vigore della General Data Protection Regulation (GDPR) nel 2017, le aziende devono adottare misure rigorose per garantire la protezione delle informazioni dei clienti e rispettare le norme sulla privacy.

Un’altra sfida importante è rappresentata dalla presenza di dati imprecisi o incompleti all’interno dei sistemi aziendali. Più di due terzi delle aziende intervistate hanno segnalato la presenza di dati inaffidabili, il che rende necessaria una pulizia accurata dei database per ottenere informazioni rilevanti e affidabili.

L’Importanza della Collaborazione e delle Competenze Tecniche

Per sfruttare appieno il potenziale dei Big Data nella prevenzione delle frodi finanziarie, le aziende devono collaborare con i partner giusti e acquisire competenze tecniche appropriate. Il 28% delle aziende del settore finanziario ha indicato che si rivolgerà a fornitori esterni per implementare i progetti basati sui Big Data.

Inoltre, l’acquisizione di ingegneri e data scientist con competenze specifiche nell’analisi dei dati diventerà sempre più importante. Il 33% degli intervistati prevede di assumere più ingegneri e data scientist nei prossimi 12-24 mesi. Questo dimostra la necessità di esperti qualificati che possano estrarre informazioni significative dai vasti quantitativi di dati disponibili e tradurle in azioni efficaci per prevenire le frodi finanziarie.

Investimenti Futuri nel Settore Finanziario

Oltre all’analisi dei dati storici dei clienti, gli investimenti futuri nel settore finanziario si concentreranno sull’intermediazione finanziaria e sull’analisi del rischio. Il 65% delle aziende ha indicato che punterà su queste aree nel breve termine. Tuttavia, lo studio ha rilevato che il 28% delle società di servizi finanziari si affiderà a fornitori esterni per implementare i progetti basati sui Big Data. Questo indica la necessità di partnership strategiche per garantire l’efficacia e il successo dell’implementazione dei progetti.

Conclusioni

I Big Data rappresentano una chiave di volta nella prevenzione delle frodi finanziarie nel settore dei servizi finanziari. L’analisi dei dati storici dei clienti consente alle aziende di identificare modelli, anomalie e comportamenti sospetti che potrebbero indicare una potenziale frode. Tuttavia, ci sono sfide da affrontare, come la sicurezza dei dati, la privacy e la presenza di dati imprecisi. Collaborare con i partner giusti e acquisire competenze tecniche adeguate sono elementi cruciali per il successo di queste strategie.

Guardando al futuro, gli investimenti nel settore finanziario si concentreranno sull’intermediazione finanziaria e sull’analisi del rischio. Le aziende dovranno cercare collaborazioni con fornitori esterni per implementare con successo i progetti basati sui Big Data. In definitiva, se adottati correttamente, i Big Data offrono alle aziende l’opportunità di identificare e correggere errori passati, migliorare i servizi esistenti e proteggere sia i propri clienti che la propria reputazione nel settore finanziario.

 

Altri articoli interessanti

Stipendio lordo e netto come calcolarli?

Tempo massimo per emissione fattura allo sdi

Fatture rifiutate dallo SDI cosa fare?

Altre guide di BullNBear le trovi qui:

Le Guide di Bull N Bear

 

.

BULLNBEARGAMES

Un mondo di giochi da tavolo, kickstarter e accessori ludici