Il codice tributo 8926 è fondamentale per chi desidera regolarizzare la propria situazione fiscale tramite il ravvedimento operoso. In questo articolo, scopriremo nel dettaglio cos’è esattamente questo codice, a cosa si riferisce e come puoi utilizzarlo a tuo vantaggio.

Cos’è il codice tributo 8926?

Il codice tributo 8926 si riferisce alla sanzione dell’addizionale regionale Irpef. Va indicato nel modello F24 quando si intende saldare un debito per l’addizionale comunale Irpef.

Nello specifico il codice tributo 8926 non fa riferimento direttamente ad uno specifico tributo, ma alla sanzione che si deve pagare quando si intende  regolarizzare la propria posizione tramite il ravvedimento operoso.

Si ricorre a questo istituto  nel caso in cui il contribuente si rende conto di non aver pagato o di aver pagato solo parzialmente un tributo e si vuole sistemare la cosa prima che intervenga l ‘Agenzia Delle Entrate  emette una cartella, beneficiando in tal modo di uno sconto sulla sanzione; quella ordinaria ammonta al 30% dell’importo dovuto, mentre con il ravvedimento si potranno avere degli sconti sulla sanzione (prima si paga e meno si dovrà pagare).

Con il ravvedimento operoso il contribuente dovrà pagare l’imposta, la sanzione ridotta e gli interessi (calcolati al tasso di interesse legale in base ai giorni di ritardo con cui effettua il pagamento); il codice tributo 8926 va utilizzato per indicare il pagamento della sanzione che si paga con il ravvedimento per l’addizionale comunale all’IRPEF.

Per procedere al pagamento non si deve far altro che seguire le indicazioni sotto riportate:

Nel caso di saldo a debito ma con compensazione:

i privati possono scegliere se usufruire dei servizi dell’Agenzia delle Entrate oppure di quelli dell’home banking mentre i titolari di partita iva sono obbligati a farlo esclusivamente tramite questi ultimi.

Nel caso di un saldo a debito e senza compensazione:

i privati possono optare per un pagamento in contanti recandosi in banca oppure allo sportello postale presentando il modello cartaceo mentre i titolari di partita iva devono utilizzare Fisconline di Agenzia delle Entrate.

Vantaggi del ravvedimento operoso


Il ravvedimento operoso offre numerosi vantaggi per i contribuenti che desiderano regolarizzare la propria situazione fiscale. Innanzitutto, permette di evitare possibili contenziosi e le relative spese legali. Inoltre, grazie alla possibilità di ottenere uno sconto sulla sanzione, sarà possibile risparmiare notevolmente sull’importo complessivo da versare. È importante sottolineare che il ravvedimento operoso può essere utilizzato solo se l’Agenzia delle Entrate non ha ancora notificato alcun accertamento o ispezione. Pertanto, è fondamentale agire tempestivamente per beneficiare di questa opportunità.

Conclusioni
Il codice tributo 8926 è uno strumento indispensabile per coloro che desiderano avvalersi del ravvedimento operoso per regolarizzare la propria posizione fiscale. Utilizzando correttamente questo codice e compilando adeguatamente il modello F24, sarà possibile pagare la sanzione ridotta e beneficiare degli sconti previsti. Ricorda che il ravvedimento operoso offre numerosi vantaggi, tra cui la possibilità di evitare contenziosi e risparmiare sulle spese legali. Non lasciare che la tua situazione fiscale si complichi ulteriormente: sfrutta il codice tributo 8926 e ripristina la tua posizione finanziaria in modo rapido ed efficace.

Come si versa il tributo 8926?

Per mezzo del servizio presente nell’area riservata del soggetto passivo IVA presente sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate Modello F24 con modalità telematiche, direttamente oppure tramite intermediario (nel caso di utilizzo di crediti in compensazione di cui alla risoluzione n. 110/E del 31/12/2019, oppure in caso di modello F24 a saldo zero, il modello F24 deve essere presentato esclusivamente utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel; negli altri casi, il modello F24 può essere presentato anche mediante i servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e altri prestatori di servizi di pagamento convenzionati con l’Agenzia delle Entrate).

Per fare il versamento bisogna compilare la Sezione IMU ed altri tributi locali del modello F24.

Bullnbear

 

Come compilare il modulo F24 tributo 8926

Per procedere con il pagamento è necessario inserire il codice tributo 8926 nella la compilazione del modulo F24. 

 

Importo: 50,00 Euro
Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento: 2023
mese di riferimento Febbraio
 :  

.

SEZIONE ERARIO
IMPOSTE DIRETTE – IVA
RITENUTE ALLA FONTE
ALTRI TRIBUTI E INTERESSI
codice tributo   rateazione/regione/
prov./mese rif.
  anno di
riferimento
  importi a debito
versati
  importi a credito
compensati
  SALDO (A – B)
(1) 8926 (2) 02   (3) 2023 (4) 50,00 (5)  
1040   2023   1200,00    
             
             
             
             
codice ufficio   codice atto             TOTALE    A (6) 1250,00 B (7)   (8)  
(9)     (10)    

.

Come compilare i campi dell’ F24

1) codice tributo: indicare 8926
(2) rateazione/regione/prov/mese rif:  Febbraio indicare 02
(3) anno di riferimento: Anno d’imposta per cui si effettua il pagamento, nell’esempio 2023
(4) importi a debito versati: indicare l’importo a debito, nell’esempio 50,00
(5) importi a credito compensati: non compilare
(6) TOTALE A: somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario
(7) TOTALE B: somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario, non compilare se non sono presenti importi a credito
(8) SALDO (A – B): indicare il saldo (TOTALE A – TOTALE B)
(9) codice ufficio: non compilare
(10) codice atto: non compilare

 

Altri articoli correlati interessanti

Codici Tributo in ordine progressivo

Nuovi codici natura

Ravvedimento Operoso Online