Pensioni

Nella vita lavorativa di ogni individuo, il momento della pensione rappresenta una pietra miliare. In questo articolo, esploreremo come andare in pensione a 64 anni, offrendo una guida completa per una transizione agevole verso questa nuova fase della vita.

Requisiti per la pensione


Per poter andare in pensione a 64 anni, è importante comprendere i requisiti necessari. L’età pensionabile può variare a seconda del periodo di riferimento e del sistema previdenziale di appartenenza. Ad esempio, nel 2018 l’età pensionabile era di 66 anni e 7 mesi. Tuttavia, è fondamentale verificar

e le ultime disposizioni legislative per ottenere informazioni accurate riguardo all’età pensionabile attuale.
n particolare, per i lavoratori assoggettati alla pensione contributiva del trattamento, è possibile ottenere la pensione anticipata a 64 anni. Tuttavia, oltre ai 64 anni di età e ai 20 anni di contribuzione, è richiesto un importo minimo dell’assegno pensionistico, che non può essere inferiore a 2,8 volte l’assegno sociale (per l’anno 2023 corrisponde a  503,7 * 2,8  = € 1.409,15).

È importante notare che la ricerca non ha fornito risultati specifici per confermare se questo trattamento agevolato può essere raggiunto anche da chi possiede contribuzione al 31 dicembre 1995 o se è possibile ottenere i 20 anni di contributi richiesti attraverso il cumulo dei versamenti accreditati presso gestioni previdenziali diverse.

La pensione anticipata contributiva prevede il perfezionamento dei seguenti requisiti:

Compimento dei 64 anni di età, sia per gli uomini che per le donne. Questo requisito di età rimarrà invariato fino al 31 dicembre 2024, dopodiché sarà adeguato alla speranza di vita media.

Una contribuzione effettiva minima di 20 anni. È importante notare che i contributi figurativi non sono considerati utili per raggiungere questo requisito.

L’ammontare mensile della pensione deve essere almeno pari a 2,8 volte l’assegno sociale (1.409.15 euro nel 2023).

È importante sottolineare che, per ottenere questa pensione, è richiesta la cessazione dell’attività di lavoro dipendente, come previsto per la generalità delle pensioni dirette.

Raccomandiamo di consultare fonti ufficiali come l’INPS o enti previdenziali competenti per ottenere informazioni dettagliate e aggiornate sui requisiti e le condizioni specifiche per la pensione anticipata a 64 anni con 20 anni di contributi. Inoltre, è sempre consigliabile consultare un consulente finanziario o un esperto di previdenza sociale per valutare le migliori opzioni pensionistiche in base alla tua situazione specifica.

Contributi previdenziali


Accanto all’età pensionabile, i contributi previdenziali rappresentano un altro aspetto importante. È necessario aver accumulato un numero sufficiente di anni di contribuzione per poter accedere alla pensione. Ad esempio, se hai iniziato a lavorare dopo il 1° gennaio 1996, potresti poter andare in pensione anticipatamente quando raggiungi l’età di 63 anni con 20 anni di contribuzione effettiva. Assicurati di avere una panoramica chiara dei requisiti di contribuzione richiesti per la tua situazione specifica.

Pensione integrativa


Oltre alla pensione pubblica, è possibile considerare anche l’opzione di una pensione integrativa per garantire una maggiore stabilità economica durante la pensione. Questa forma di previdenza complementare consente di accumulare un capitale aggiuntivo attraverso contributi volontari o tramite il coinvolgimento del datore di lavoro. Esplora le diverse opzioni disponibili per la pensione integrativa e valuta se potrebbero essere adatte alle tue esigenze.

Pianificazione finanziaria


La pianificazione finanziaria è fondamentale per una transizione senza intoppi verso la pensione. Prendi in considerazione il tuo attuale stato finanziario e determina quali passi devi intraprendere per raggiungere gli obiettivi pensionistici desiderati. Calcola le tue entrate e le tue spese, valuta le fonti di reddito nella fase pensionistica e identifica eventuali misure correttive che potresti dover adottare per garantire una situazione finanziaria solida durante la pensione.

Opzioni di lavoro flessibile

Quando si affronta la transizione verso la pensione a 64 anni, molte persone desiderano esplorare opzioni di lavoro flessibile. Questo tipo di lavoro consente di bilanciare meglio gli impegni lavorativi con gli interessi personali e il desiderio di dedicare più tempo a se stessi e alle proprie passioni.

Lavoro a tempo parziale: Una delle opzioni più comuni per il lavoro flessibile è il passaggio a un impiego a tempo parziale. Questo ti permette di ridurre le ore di lavoro settimanali, mantenendo comunque un’attività professionale e generando reddito. Puoi negoziare con il tuo attuale datore di lavoro per una riduzione dell’orario di lavoro o cercare opportunità di lavoro a tempo parziale in nuovi settori o aziende.

Lavoro freelance o consulenze:

Se hai competenze specifiche o esperienza in un determinato settore, potresti considerare di lavorare come freelance o consulente. Questo ti offre la possibilità di gestire la tua attività e i tuoi orari, lavorando su progetti specifici o offrendo consulenze ai clienti. Esplora piattaforme online dedicate al lavoro freelance o stabilisci contatti professionali per trovare opportunità in linea con le tue competenze.

Avviare un’attività:

Se hai sempre sognato di avviare la tua attività, la fase pre-pensionamento potrebbe essere il momento giusto per realizzare questo desiderio. Valuta le tue passioni, le competenze che possiedi e l’opportunità di mercato per identificare il tipo di attività che potresti avviare. Tieni presente che avviare un’attività richiede pianificazione, risorse finanziarie e un impegno significativo, quindi valuta attentamente questa opzione.

Lavoro stagionale o a progetto:

Un’altra opzione di lavoro flessibile consiste nel lavorare su base stagionale o su progetti specifici. Questo tipo di lavoro ti consente di impegnarti solo per determinati periodi o per progetti specifici, offrendoti flessibilità nel gestire il tuo tempo. Potresti trovare opportunità stagionali nel turismo, nell’agricoltura o in settori correlati, o cercare progetti freelance che richiedono competenze specifiche.

Volontariato e attività sociali:

La fase pre-pensionamento può essere un’opportunità per dedicarsi al volontariato o a attività sociali. Puoi impegnarti in organizzazioni non profit, associazioni di volontariato o comunità locali, mettendo a disposizione le tue competenze e contribuendo al bene comune. Questo tipo di attività può darti una sensazione di realizzazione personale e offrire un modo significativo per occupare il tuo tempo durante la transizione verso la pensione.

Conclusioni


Quando si considera come andare in pensione a 64 anni, le opzioni di lavoro flessibile offrono la possibilità di bilanciare le esigenze finanziarie con il desiderio di una maggiore libertà e realizzazione personale.

 

 

Altri articoli interessanti

Stipendio lordo e netto come calcolarli?

Tempo massimo per emissione fattura allo sdi

Fatture rifiutate dallo SDI cosa fare?

Altre guide di BullNBear le trovi qui:

Le Guide di Bull N Bear