Banche Italiane

Polizza Credito Commerciale

La polizza di credito commerciale è uno strumento assicurativo ibrido l’unione tra uno strumento finanziario ed uno prettamente assicurativo.
E’ utilizzata  sia dalle imprese che banche per garantire un debito nei confronti del creditore.
La polizza di credito commerciale viene intesa come una lettera nella quale un soggetto debitore, denominato emittente, riconosce e si fa carico del proprio debito nei confronti di un creditore terzo, impegnandosi, nel contempo, a versare presso una banca la somma che viene indicata come necessaria per estinguere il debito stesso.


Questo tipo di credito è garantito da una fideiussione, ovvero da una garanzia bancaria, circa la sua copertura.
L’istituto di credito, rilascia una fideiussione separata attraverso la quale garantisce che chiunque sia in possesso della polizza avrà il riconoscimento del credito.
E’ inoltre previsto che il soggetto finanziatore o chi acquisisce la polizza assicurativa, possa trattenere il documento relativo fino alla sua scadenza ma può anche rinegoziarlo sul mercato.


Nella polizza di credito sono presenti :

la scadenza,

il tasso di interesse (calcolato come la differenza tra prezzo di emissione e valore del rimborso )

il nome della banca presso la quale avverrà il pagamento una volta maturata la scadenza del titolo.


Si usa la polizza di credito commerciale come uno strumento per ottenere un finanziamento, tuttavia in maniera alternativa a quanto previsto da mutui o da obbligazioni, visto che presenta una durata inferiore, non superiore ai tre mesi e di minimo un mese.


La polizza di credito commerciale non prevede necessariamente la figura della banca quale soggetto che si occupa del collocamento della stessa sul mercato, ma spesso si tratta comunque di una attività svolta da parte dell’istituto di credito.


La polizza di credito commerciale è simile ad un’accettazione bancaria, sebbene a differenza di quest’ultima non preveda un uso dello strumento cambiario.


Introdotta in Italia da parte di una banca che fa parte del gruppo  Credem per favorire un finanziamento nei confronti di due colossi, l’Agip e Pirelli.


Il finanziamento può anche essere rinnovabile, naturalmente sempre in seguito ad un accordo tra le parti.
Trattandosi di uno strumento finanziario, la polizza di credito commerciale è interessata da norme prettamente fiscali.

Tassazione della Polizza di Credito Commerciale

Se la polizza di credito è trattenuta fino alla sua scadenza, si ottengono  dei redditi da capitale, mentre se si dovesse cedere prima della sua scadenza, si otterrebbe una plusvalenza.
Il reddito derivante dalla polizza di credito commerciale, in quanto reddito da capitale, è tassato in misura del 12,5%.
La ritenuta non si applica nel caso in cui il reddito sia parte del reddito d’impresa e non rientri nel reddito capitale.
Interessante è anche notare come le polizze di credito commerciale non sono colpite dall’Iva, in quanto si tratta di vere e proprie operazioni usate per la formalizzazione di un debito.
Le polizze di credito commerciale, sono uno strumento più moderno, quello che ha soppiantato le accettazioni bancarie, per chi intende richiedere dei finanziamenti di breve durata: un’occasione in più alla quale pensare nel momento in cui si dovesse avere la necessità di un prestito.

Qual è la scadenza delle polizze di Credito Commerciale?

E’ un’operazione di breve periodo per cui generalmente la scadenza varia da 1 a 3 mesi.

Atri articoli interessanti:

Polizza Vita Poste Italiane

Polizza Vita Banca Intesa San Paolo

Polizze Unit Linked cosa sono?

Banche, aperture di credito in conto corrente cos’ è?

Altre guide di BullNBear le trovi qui:

Le Guide di Bull N Bear

4 1 vote
Article Rating
Bull N Bear

Pin It on Pinterest