Addizionali Comunali

Addizionali comunali 

 

L’IRPEF, l’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche, deve essere pagata  dai lavoratori dipendenti e dai lavoratori autonomi, nonché i titolari di ditta individuale. Per i lavoratore dipendenti, si occupa di tutto il datore di lavoro, la calcola e la addebita in busta paga; lavoratori autonomi e titolari di ditta individuale devono provvedere da soli.

L’IRPEF Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche grava su tutti i cittadini che hanno un reddito, secondo le percentuali stabilite. L’IRPEF, rappresenta per le casse pubbliche una importantissima entrata. L’ addizionale comunale, che è una piccola percentuale che aggrava ulteriormente l’esborso di denaro per i percettori di reddito,, che entra nelle casse dei Comuni.

Esempio

Se abiti nel comune di Modena, oltre a pagare la classica IRPEF prevista per tutti i cittadini italiani, devi pagare anche l’addizionale IRPEF prevista dal comune comune di Modena.

Si tratta di una piccola percentuale, di solito inferiore all’1%. Inoltre spesso i Comuni prevedono una soglia di esenzione, ossia una fascia di reddito per la quale non è dovuta. In questo modo i cittadini che hanno un reddito più basso non sono colpiti da questa imposta: per loro il Comune prevede l’esenzione.

Codici tributo delle addizionali comunali

L’addizionale comunale va pagata secondo un meccanismo di acconto e saldo, per ognuno dei quali c’è uno specifico codice tributo:

Acconto addizionale IRPEF:  codice tributo 3843;
Saldo addizionale IRPEF:  codice tributo 3844.

Come calcolare l’imposta dovuta come calcolare acconto e saldo.


Acconto

L’acconto dell’addizionale IRPEF è la parte del 30% che si paga quest’anno per l’anno prossimo. L’ acconto si calcola sull’imponibile addizionale dell’anno precedente, in base alle aliquote in vigore nel Comune di residenza al 1° gennaio. 
Esempio

Anno 2022 =>  si devi pagare l’acconto addizionale IRPEF per l’anno 2023.

Per il calcolo occorre considerare l’ imponibile addizionale IRPEF 2021: supponiamo sia di 40.000 euro e l’aliquota add. IRPEF del Comune sia 0,5%.  L’ acconto add. IRPEF pari a:

0,5% di 40.000 euro = 200 euro => 30% di 200 euro = 60 euro è l’acconto IRPEF da pagare subito per l’anno prossimo.

Le aliquote add. IRPEF da considerare sono quelle del Comune di residenza al 1° gennaio, quindi nell’esempio si considera la residenza al 1° gennaio 2022.

Calcolo delle addizionali comunali

Per calcolare con esattezza l’addizionale dovuta, occorre conoscere la percentuale che applica dal comune. Il Ministero delle Finanze mette a disposizione un servizio online dove è possibile trovare selezionando prima la regione, poi la provincia e poi il comune, l’esatta aliquota prevista nella tua città.

In alternativa, per rendere ancora le cose più semplici, non deve far altro che inserire il nome del proprio  comune nell’apposita barra di ricerca e poi cliccare su “Avvia la ricerca”. Il servizio è disponibile a questa pagina. occorre inserire il nome del comune nell’apposito spazio, come di seguito:

Nella pagina successiva si trovano tutte le indicazioni:

Aliquota;
Eventuale fascia reddituale di esonero;
Numero della delibera comunale che ha imposto quell’aliquota.

Una volta trovata l’aliquota, occorre applicarla all’ imponibile IRPEF e da lì scoprire quanto  si deve pagare di addizionale.

Esempio

L’ imponibile IRPEF è di 20 mila euro, mentre la percentuale di addizionale IRPEF è 0,80%. In questo caso l’addizionale dovuta è uguale a 160 euro (0,8% di 20.000).
In busta paga

Per un lavoratore dipendente, il calcolo dell’IRPEF, delle addizionali regionali e delle addizionali comunali provvedono  i datori di lavoro. Addebita direttamente in busta paga l’ acconto, con un massimo di 9 rate e il saldo lo addebita sempre direttamente in busta paga, entro un massimo di 11 rate.

 

Calcolo dell’ acconto

Imponibile IRPEF anno precedente 30.000 euro
Aliquota addizionale IRPEF del comune= 1%
Addizionale comunale annua da pagare = 300 euro (1% di 30.000)
Acconto = 90 euro (30% di 300)

90 euro diviso in 9 rate = 10 euro => il datore di lavoro addebiterà in busta paga (solitamente da marzo a novembre) 10 euro al mese

Calcolo del saldo

In base all’esempio su mostrato, i 90 euro sono di acconto e i restanti 210 euro (300 – 90 già pagati), il datore di lavoro li addebita in 11 rate mensili (solitamente da gennaio a novembre, Sulla busta paga quindi addebiterà 19,09 euro al mese, arrotondato a 19,10 euro al mese.

La base imponibile su cui calcolare l’addizionale comunale è la stessa su cui si applica l’IRPEF nazionale, è quindi la classica base imponibile IRPEF.

Il datore di lavoro calcola IRPEF, addizionale comunale e regionale e le versa all’Agenzia delle Entrate, tramite il modello  F24.

Rata

Per i lavoratori dipendenti, il datore di lavoro provvede a calcolare l’IRPEF, l’addizionale regionale e l’addizionale comunale e addebita gli importi sulla tua busta paga. L’addizionale comunale, viene addebitata con l’acconto (pari al 30% dell’imposta dovuta) entro 9 rate mensili da marzo a novembre, Mentre addebita il saldo (il restante 70%) entro 11 rate mensili da gennaio a novembre.

I lavoratori autonomi e i titolari di ditte individuali invece, devono provvedere al calcolo e al versamento in autonomia. Il commercialista calcola tutti gli importi per le singole scadenze e prepara i modelli F24 per il pagamento. 

Ravvedimento operoso addizionale comunale IRPEF?

L’Agenzia delle Entrate permette grazie all’istituto del ravvedimento operoso permette di versare in ritardo quanto dovuto con una piccola maggiorazione. Se ci si accorge di aver commesso un errore o una dimenticanza, viene “premiati”: con uno sconto sulla sanzione.

Da pagare con modello F24:

L’imposta ravveduta, che può essere l’acconto o il saldo dell’addizionale comunale IRPEF, quindi con codice tributo 3843 per l’acconto

oppure 3844 per il saldo;
Gli interessi, con codice tributo 1998;
La sanzione, con codice tributo 8926.

Se  si comunica l’errore tramite modello 730 rettificativo, il codice tributo 8927 per la sanzione.

 

Altri articoli interessanti

Alfa di Jensen

Capital Asset Pricing Model

Altre guide di BullNBear le trovi qui:

Le Guide di Bull N Bear