Bonus 600 euro per pagare le bollette di luce acqua e gas

La misura inserita nel decreto aiuti-bis dal governo, è stata appena convertita in legge con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il bonus bollette è un fringe benefit aziendale con possibilità di ottenerlo direttamente in busta paga. Il datore di lavoro può pagare o rimborsare i costi delle utenze domestiche per acqua, gas ed elettricità. È stato il Decreto Aiuti bis ad alzare la soglia di esenzione delle somme e servizi corrisposti dal datore ai dipendenti, includendo anche il sostegno nel pagamento delle bollette limitatamente al periodo d’imposta 2022. Il tetto è normalmente fissato a 258,23 euro.

Bollette di luce acqua e gas

Il Decreto Aiuti bis, all’art. 12, ha incluso nei fringe benefit aziendali non tassati anche le spese per le utenze domestiche dell’acqua, del gas e della luce. In pratica, il datore di lavoro può riconoscere al proprio dipendente una somma utile al pagamento delle bollette, senza che questo importo sia soggetto ad imposizione IRPEF.

Per rendere ancora più efficacie la misura la soglia di esenzione viene anche elevata a 600 euro, quando l’art 51, comma 3 del TUIR prevede un tetto di 258,23 euro all’anno. Le somme che eccedono tale limite, infatti, vengono considerate reddito da lavoro dipendente e sono tassati in quanto tali.
Sono stati stanziati 86,3 milioni di euro, è applicabile per tutto il 2022, Il bonus è applicabile retroattivamente, le aziende possono rimborsare le bollette già pagate da gennaio 2022. Si tratta pertanto di un intervento che si affianca a tutti quelli previsti dal Governo in contrasto al caro energia.

A chi spetta il bonus bollette di luce acqua e gas?

I bonus luce e gas in busta paga spettano ai datori di lavoro privati che dovranno fornirli ai destinatari ultimi, ovvero i loro dipendenti. In base alle regole generali sui fringe benefit, tra i datori di lavoro nell’ambito del settore privato vanno ricompresi, sempre che dispongano di propri lavoratori dipendenti,

i lavoratori autonomi;
gli enti pubblici economici;
i soggetti che non svolgono un’attività commerciale.

Se non intervengano indicazioni diverse che prevedano accezioni rispetto alla normativa generale, i beneficiari ultimi dell’agevolazione sono tutti i lavoratori dipendenti, da intendersi sulla base della tipologia di reddito prodotto, ossia quello di lavoro dipendente (a tempo determinato e indeterminato). Restano escluse le seguenti categorie di lavoratori:

collaboratori tipo CO.CO.CO, amministratori, lavoratori autonomi occasionali;

altri soggetti percettori di redditi di lavoro assimilato, come per esempio i tirocinanti;
i lavoratori delle Pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e degli Enti pubblici non economici.

A quanto ammonta il bonus bollette di luce acqua e gas?

Il bonus bollette in busta paga può avere un importo diverso a seconda di cosa decide il datore di lavoro, purché entro il tetto massimo annuale dei 600 euro stabilito dal Decreto Aiuti bis. Essendo infatti inclusi in quelli generali previsti dall’articolo 51 del TUIR, questi buoni sottostanno al tetto dei 600 euro insieme, per esempio, ai buoni pasto o alla dotazione del pc, tablet e auto aziendale.

La scelta di come gestire il plafond dei 600 euro spetta all’azienda che decide quanto riconoscere in busta paga per aiutare i dipendenti con le bollette.

Sono esclusi dalla soglia citata i buoni carburante da 200 euro introdotti dal Decreto Energia convertito in Legge.

Ma come funzionano i bonus in busta paga?

Rientrano nell’agevolazione le erogazioni in denaro dirette al pagamento dell’utenza o a rimborso di quelle spese dai dipendenti. A tale proposito, sarà necessario che il datore di lavoro richieda ai dipendenti i documenti giustificativi delle spese energetiche sostenute, come le fatture. Ciò è necessario anche per evitare che si tratti di utenze che non rientrano nell’agevolazione.

Le stesse utenze, poi, a patto che l’Agenzia delle Entrate non si pronunci diversamente, non dovranno essere necessariamente intestate al lavoratore ma anche ad un familiare convivente. Nella disciplina sui fringe benefit, ai fini della tassazione, rilevano non solo i compensi in natura erogati al dipendente, ma anche quelli concessi al coniuge, ai figli ed agli altri familiari del dipendente, a prescindere se siano o meno fiscalmente a carico.

Quando scade il bonus bollette di 600 euro per luce acqua e gas?

La norma, vale per tutto il 2022. Ciò significa, da una parte, che le bollette coperte dal beneficio sono quelle emesse nel 2022

Conclusione 

Per le aziende si tratta di una occasione, dal momento che sono somme interamente deducibili, così da ridurre l’imponibile fiscale della società. Per i lavoratori, invece, sono somme non soggette a contribuzione (quindi non comportano aumento della pensione) e nemmeno a prelievo fiscale. In sostanza denaro “netto”, seppur utilizzabile solo in determinati ambiti.

Altre guide di BullNBear le trovi qui:

Bonus Mobili 2022, prorogato fino al 2024 in misura ridotta

Bonus Carburante o Bonus Benzina

Le Guide di Bull N Bear

Cila superbonus

Superbonus 110 cessione del credito