Partiamo dalla definizione di Borsa

La borsa valori è un mercato finanziario regolamentato le cui attività sono controllate da organi di vigilanza: la Consob (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa), la Banca d’Italia e il Consiglio di Borsa, dove vengono scambiati valori mobiliari e valute estere.

Trattasi di un mercato secondario  dove vengono trattati strumenti finanziari che sono già stati emessi e che sono quindi già in circolazione, ma è al contempo un mercato ufficiale, regolamentato poiché sono disciplinate in modo particolareggiato le operazioni di negoziazione, le loro modalità e gli operatori e tipologie contrattuali ammessi.

Le borse valori o più comunemente Borse sono presenti in quasi tutti i paesi del mondo.In Italia la sede della Borsa Italiana è in Pazza Affari a Milano  La borsa più importante al mondo è la celeberrima borsa americana di Wall Street a New York

Che cosa avviene di fatto nella Borsa?

E’ un mercato finanziario cioè un luogo un tempo, fisico oggi  telematico in cui vengono scambiati strumenti finanziari. Lo strumento finanziario principe sono le azioni. Le azioni sono una quota di proprietà di una società che vengono trattate / scambiate nel mercato.

La borsa garantisce che gli scambi siano trasparenti e rispettosi del quadro normativo vigente. Sia nei riguardi del venditore che del compratore.

Scendiamo più nel dettaglio di che cosa avviene. Gli ordini di compravendita sono inviati dagli investitori mediante contrattazione ed inseriti in terminali o attraverso i sistemi telematici. Sarà poi il sistema telematico a comunicare alle parti interessate i prezzi di acquisto e vendita a cui sono stati scambiati i titoli.

Come si forma il prezzo di un titolo?

Il prezzo di un titolo è il risultato dell’ incontro tra la domanda e l’offerta, questo avviene per ogni bene prodotto, ma a differenza ad esempio del costo di acquisto del pane dove il fornaio varia il prezzo nel medio periodo, in borsa il prezzo varia continuamente.

In ogni istante il prezzo dell’ azione nel nostro esempio ma questo vale per tutti gli strumenti finanziari trattati presso le Borse valori avremo contemporaneamente il prezzo di acquisto è il prezzo di vendita

Perche il prezzo di acquisto e sempre superiore al prezzo di vendita?

La differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita è lo spread denaro lettera.  La differenza è la parte di costi che si trattiene il Market Maker per poter garantire l’esistenza del mercato stesso.

 

La Borsa moderna cenni Storici

La Borsa Valori moderna nasce nella seconda metà dell’ottocento, con la seconda rivoluzione industriale e lo sviluppo del capitalismo finanziario, era uno dei principali strumenti per la raccolta del risparmio e il finanziamento delle imprese.

In quel periodo con la rivoluzione industriale le macchine hanno fatto il loro ingresso nella produzione industriale rivoluzionando completamente il modo di produrre. Le macchine permettevano di produrre più pezzi e a prezzi inferiori, ma al contempo le imprese hanno iniziato ad avere bisogno di disporre di ingenti capitali per finanziare gli investimentie l’accaparramento di materie prime in ogni luogo al mondo, crescendo di dimensioni diventando sempre più intenazionali

Solo le società per azioni e la borsa potevano essere in grado di raccogliere simili capitali. Le Società per Azioni S.p.A. sono società di capitali in cui i soci possiedono delle partecipazioni in forma di azioni.

Esiste un capitale sociale versato dai soci e frammentato in azioni la cui somma costituisce il capitale sociale complessivo della SPA.
La proprietà è di chi possiede la maggioranza delle azioni. L’assemblea dei soci nomina il CDA (consiglio di amministrazione) che ha la gestione operativa della società ed è guidato dall’amministratore delegato che deve rispondere del suo operato all’assemblea dei soci.

Nelle borse avviene la compravendita delle azioni. In caso di necessità possono essere emesse nuove azioni che, vendute in borsa, procureranno all’azienda nuovo capitale. Da un lato i risparmiatori investono i loro risparmi nell’acquisto dei titoli azionari, dall’altro le società vendono in borsa le loro azioni per finanziare la loro attività.

Sella seconda metà del diciannovesimo secolo, in tutte le principali economie mondiali, Inghilterra, Germania, Stati Uniti, Francia, vengono approvate leggi che regolamentano il mercato azionario.

Fino alla prima guerra mondiale la principale borsa mondiale fu quella di Londra, in seguito, con la definitiva ascesa degli Stati Uniti, la borsa di New York, è diventata il riferimento del sistema finanziario mondiale.

In Italia, fino alla prima metà degli anni 1970, la creazione e il funzionamento di un mercato di borsa valori (nazionale o locale) erano rimessi alla pubblica autorità.In seguito nel 1974, tutte le funzioni organizzative delle borse sono state trasferite alla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. L’assetto della borsa valori italiana è entrato in crisi sotto la spinta concorrenziale prodotta dall’integrazione internazionale dei mercati,

La  normativa, ha decretato il definitivo superamento dell’impostazione pubblicistica del mercato di borsa a favore di un modello di mercato-impresa la cui organizzazione e gestione sono state rimesse all’iniziativa di società per azioni private, anche senza scopo di lucro, denominate Società di gestione del mercato (Sgm).Previa autorizzazione della Consob, le Sgm possono esercitare una serie di attività, tra cui l’istituzione, la gestione e la regolamentazione del mercato.A tale scopo, viene ad esse riconosciuto un potere di autoregolamentazione finalizzato a predisporre le regole di organizzazione e funzionamento del mercato secondo criteri di competitività, economicità ed efficienza.

Ottenuta dalla Consob l’autorizzazione all’esercizio del mercato, la Sgm provvede alla predisposizione delle strutture e alla fornitura di servizi, all’ammissione, sospensione ed esclusione degli strumenti finanziari e degli operatori dalle negoziazioni, alla gestione e diffusione delle informazioni e dei documenti rilevanti per il pubblico e, in generale, all’adozione di tutti gli atti necessari per il buon funzionamento del mercato.

L’attività di organizzazione e gestione svolta dalla Sgm è espressamente qualificata come attività di impresa, con conseguente sottoposizione a un regime di concorrenza competitiva che orienta il mercato verso un assetto pluralistico.

Ne consegue che diverse Sgm possono costituire più mercati regolamentati destinati alla negoziazione dei medesimi titoli (dual listing), ovvero che un’unica Sgm può istituire e gestire più mercati tipologicamente distinti.

La vigilanza sui mercati regolamentati spetta alla Consob e riguarda sia la SGM sia il mercato.In entrambi i casi, la Consob vi provvede mediante l’esercizio di poteri di tipo informativo, ispettivo e sostitutivo della SGM.Il superamento del modello pubblicistico si è realizzato attraverso la costituzione della Borsa Italiana S.p.A., che gestisce una pluralità di mercati regolamentati.

La borsa, che ne rappresenta la componente più nota, ha assunto la nuova denominazione di Mercato Telematico Azionario (MTA).

Gli indici della Borsa di Milano

L‘FTSE MIB è il più significativo indice azionario della Borsa italiana. È il paniere che racchiude normalmente, le azioni delle 40 società italiane, anche se con  sede legale all’estero, quotate sull’MTA con maggiore capitalizzazione, flottante e liquidità.

La revisione ordinaria dei componenti viene effettuata trimestralmente, il lunedì successivo al terzo venerdì di marzo, giugno, settembre e dicembre.

Sono previste modifiche al paniere a seguito di operazioni sul capitale (incremento del numero di azioni superiore al 5%), o a variazioni rilevanti del flottante (superiore al 5%) o a seguito di spin off (cioè scorpori di rami d’azienda), fusioni, delisting (cioè cancellazione dalle contrattazioni), o nuove quotazioni, se la capitalizzazione del nuovo titolo è uguale o superiore al 3% di quella corrente dell’intero mercato.

Insieme degli indici FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia Small Cap forma l’índice aggregato FTSE Italia All-Share.

Mercato Bull o mercato Bear

 Nel lingauggio degli addetti ai lavori il ciclo positivo della borsa in cui i prezzi salgono viene chiamato Bull o Toro, mentre i cicli negativi in cui i prezzi scendono sono chiamati Bear o Orso

Capitalizzazione delle 10 maggiori Borse mondiali 2018

Stati Uniti: NYSE Borsa di New York

Fondata nel 1792, la borsa di New York è la maggiore e più importante al mondo. Ha una capitalizzazione di mercato di $ 22,9 trilioni e circa 2400 società quotate. Il solo NYSE rappresenta circa il 40% della capitalizzazione mondiale del mercato azionario.

Stati Uniti: NASDAQ

Il mercato azionario NASDAQ è stato fondato nel 1971 a New York. il NASDAQ è considerato il mercato per eccellenza dove sono quotate le aziende tecnologiche Infatti sono quotate al Nasdaq aziende come: Apple, Microsoft, Facebook, Amazon, Alphabet.

Nel novembre 2018, il NASDAQ ha una capitalizzazione di mercato di $ 10,8 trilioni con un volume medio di scambi mensili di $ 1,26 trilioni. Giappone:Borsa di Tokyo Fondata nel 1878, la Borsa di Tokyo è tra le prime dieci maggiori borse al mondo. Ha quasi 2.300 società quotate con una capitalizzazione di mercato combinata di $ 5,67 miliardi. L’indice di riferimento della TSE è Nikkei 225, che comprende le maggiori società come Toyota,Honda,Suzuki e Sony.

Cina: Borsa di Shanghai

La maggiore Borse della Cina ha una capitalizzazione di mercato di $ 4,02 miliardi. È un’organizzazione senza scopo di lucro e ha più di 1.000 società quotate. Sebbene le sue origini risalgano al 1866, fu sospeso dopo la rivoluzione cinese nel 1949. Lo Scambio di Shanghai nel suo moderno avatar fu fondato nel 1990. Le azioni quotate alla Borsa di Shanghai hanno azioni “A” che scambiano in valuta locale e “B” ‘azioni che hanno un prezzo in dollari USA per gli investitori stranieri.

Hong Kong: Borsa valori di Hong Kong

La borsa di Hong Kong è stata fondata nel 1891. Ha circa 2.000 società quotate, di cui circa la metà proviene dalla Cina continentale. Ha un volume di scambi mensili di $ 182 miliardi e una capitalizzazione di mercato di $ 3,93 miliardi. Nel 2017, lo scambio ha chiuso il suo piano di trading fisico per passare al trading elettronico. Alcune delle maggiori società quotate alla Borsa di Hong Kong sono AIA, Tencent Holdings, PetroChina, China Mobile e HSBC Holdings.

Eurozona: Euronext

Con sede ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, Euronext è una borsa paneuropea con una presenza in Francia, Belgio, Irlanda e Portogallo. Conta circa 1.300 società quotate con una capitalizzazione di mercato combinata di $ 3,92 trilioni. Scorte quotate al prezzo Euronext in euro. Il suo volume di scambi mensili è di circa $ 174 miliardi.

Regno Unito: London Stock Exchange

La Borsa di Londra fondata nel 1698. Ha oltre 3.000 società quotate con una capitalizzazione di mercato combinata di $ 3,76 trilioni. È di proprietà e gestito dal London Stock Exchange Group, costituito nel 2007 a seguito della fusione della LSE con Borsa Italia. Alcune delle maggiori società quotate alla LSE sono British Petroleum, Barclays e GlaxoSmithKline.

Cina: Borsa di Shenzhen

Costituita ufficialmente nel 1990,la Borsa di Shenzhen è una delle due sole borse azionarie indipendenti in Cina. L’altra è la Borsa di Shanghai. La sua capitalizzazione di mercato è di $ 2.5 trilioni a partire da novembre 2018. La maggior parte delle società elencate qui ha sede in Cina e negozia azioni in Yuan. Nel 2009 la Borsa di Shenzhen ha lanciato un consiglio denominato ChiNext consistente in startup high-growth ad alta crescita simili al NASDAQ.

Canada: Borsa di Toronto

Fondata nel 1852 e gestita da TMX Group, la Borsa di Toronto (TSX) ha 2.207 società quotate con una capitalizzazione di mercato combinata di $ 2.1 trilioni, guadagnandosi un posto tra le prime 10 più grandi borse del mondo. Ha un volume medio di scambi mensili di $ 97 miliardi. Tutte le banche commerciali “Big Five” del Canada sono quotate alla Borsa di Toronto.

India: Borsa di Bombay

Fondata nel 1875, la Borsa di Bombay fu la prima borsa a nascere in Asia. A novembre 2018, aveva una capitalizzazione di mercato di $ 2,05 miliardi. È la borsa con il maggior numero di società quotate in questa lista. L’ESB ha 5.749 società quotate. Tuttavia, la maggior parte di loro sono small-caps.

 

 

Bull N Bear

Pin It on Pinterest