Azioni Nintendo

logo quotazione nintendo

 

Codice Isin JP3756600007

Lotto minimo n° 100

Titolo adatto per trading in opzioni :  NO

Azioni Nintendo quotazione in tempo reale

trading bull n bear

L’economia in un click

Nintendo
Anno Fondazione1889
BorseNYSE

Borsa di Tokyo

 

Settoreinformatica
Titoli del settore
ProdottiConsole per videogiochi

Videogiochi

Fatturato 1200 miliardi di Yen (2018)
Utile netto 194 miliardi di Yen (2018)
Dipendenti 5501  (2018)
Webwww.nintendo.com/

 

Come fare trading sul titolo Nintendo

cfd contratti per differenza bull n bear

Acquistando CFD Nintendo

azioni bull n bear

Acquistando Azioni Nintendo

Acquistando/vendendo Futures Nintendo sul mercato dei titoli derivati

Acquistando/vendendo Opzioni Nintendo sul mercato dei titoli derivati

 

 

Aziende concorrenti Nintendo

Sony con la serie di console per vidogiochi Playstation

Microsoft con la serie di console per videogiochi Xbox.

Descrizione titolo Nintendo

Nintendo Co., Ltd è una multinazionale giapponese di elettronica di consumo e società di videogiochi.

Nintendo è una delle più grandi società di videogiochi al mondo per capitalizzazione di mercato, creando alcuni dei franchise di videogiochi più famosi e più venduti, come Mario, The Legend of Zelda e Pokémon.

Fondata nel 1889 da Fusajiro produceva  inizialmente carte da gioco hanafuda fatte a mano.

Nintendo si trasformò poi in una società di videogiochi negli anni ’70, diventando infine una delle più influenti del settore e la terza società giapponese di maggior valore con un valore di mercato di oltre $ 85 miliardi,

Cenni storico economici Nintendo

Nintendo iniziò come una piccola compagnia giapponese, fondata da Fusajiro Yamauchi il 23 settembre 1889, come Nintendo Koppai. Con sede a Kyoto, in Giappone, l’azienda ha prodotto e commercializzato hanafuda. Il nome “Nintendo” è comunemente inteso come “lascia la fortuna al paradiso”,

Le carte, che erano tutte fatte a mano, iniziarono presto a guadagnare popolarità, e Yamauchi dovette assumere assistenti per produrre schede di massa per tenere il passo con la domanda. Fusajiro Yamauchi non ha avuto un figlio per rilevare l’azienda di famiglia. Seguendo la tradizione giapponese, ha adottato suo genero, Sekiryo Yamauchi, (dopo la moglie).

Nel 1929, Yamauchi si ritirò dalla compagnia e permise a Sekiryo Yamauchi di assumere la direzione della compagnia come presidente. Nel 1933, Sekiryo Yamauchi fondò una joint venture con un’altra società e ribattezzò la società Yamauchi Nintendo & Co.

Nel 1947, Sekiryo fondò una società di distribuzione, Marufuku Co., Ltd.,  per distribuire la hanafuda, così come molte altre marche di carte che erano state introdotte da Nintendo. Sekiryo Yamauchi aveva anche solo figlie, quindi di nuovo suo genero (Shikanojo Inaba, ribattezzato Shikanojo Yamauchi) fu adottato nella famiglia. Shikanojo non è mai diventato presidente perché ha abbandonato la sua famiglia. Successivamente, suo figlio Hiroshi fu allevato dai suoi nonni. In seguito ha assunto la compagnia al posto di suo padre.

Nel 1949, Hiroshi Yamauchi frequentava la Waseda University di Tokyo, tuttavia, dopo che suo nonno morì, lasciò il posto di presidente della Nintendo.

Nel 1951, ha ribattezzato “Marufuku Co. Ltd.” a “Nintendo Playing Card Co., Ltd.” 

Nel 1953, Nintendo divenne la prima compagnia in Giappone a produrre carte da gioco in plastica.

Nel 1956, Yamauchi visitò gli Stati Uniti, per intrattenere colloqui con la United States Playing Card Company, il produttore dominante di carte da gioco negli Stati Uniti. Rimase scioccato nel constatare che la più grande compagnia al mondo nella sua attività era relegata a usare un piccolo ufficio. Questo è stato un punto di svolta per Yamauchi, che ha poi realizzato i limiti del business delle carte da gioco.

Nel 1959, Nintendo ha stretto un accordo con la Disney per consentire l’uso dei personaggi Disney sulle carte da gioco di Nintendo. In precedenza, le carte da gioco occidentali erano considerate qualcosa di simile a hanafuda e mahjong: un dispositivo per il gioco d’azzardo. Legando le carte a Disney e vendendo libri che spiegavano i diversi giochi che si potevano giocare con le carte, Nintendo poteva vendere il prodotto alle famiglie giapponesi. Il tie-in è stato un successo e l’azienda ha venduto almeno 600.000 pacchi di carte in un solo anno.

Nel 1962, Yamauchi portò il pubblico Nintendo, elencando la società nella seconda divisione della Borsa di Osaka. ] In seguito al successo sopra menzionato,

Nel 1963 Nintendo Playing Card Co., Ltd. fu rinominata Nintendo da Yamauchi.  Nintendo iniziò ora a sperimentare in altre aree di business usando il capitale appena iniettato.

Nel 1964, mentre il Giappone stava vivendo un boom economico a causa delle Olimpiadi di Tokyo, il business delle carte da gioco raggiunse il suo punto di saturazione. Le famiglie giapponesi hanno smesso di comprare carte da gioco e il prezzo delle azioni Nintendo è sceso da 900 a 60 yen.

Nel 1965, Nintendo assunse Gunpei Yokoi come ingegnere di manutenzione per la catena di montaggio. Tuttavia, Yokoi divenne presto famoso per molto di più della sua capacità di riparare i nastri trasportatori.

Nintendo ha lottato per sopravvivere nell’industria dei giocattoli giapponese; era ancora piccolo a questo punto e dominato da aziende già affermate come Bandai e Tomy. A causa del ciclo di vita dei giocattoli generalmente breve, l’azienda ha sempre dovuto inventare nuovi prodotti. Questo è stato l’inizio di una nuova era per Nintendo.

Nel 1966, Yamauchi stava osservando una fabbrica di hanafuda. Notò un braccio che si estendeva, fatto da uno dei loro tecnici di manutenzione, Gunpei Yokoi, per il suo stesso divertimento. Yamauchi ordinò a Yokoi di svilupparlo come prodotto appropriato per la corsa natalizia. Rilasciato come “Ultra Hand”, diventerebbe uno dei primi successi di giocattoli Nintendo, vendendo oltre un milione di unità. Vedendo che Yokoi aveva promesso, Yamauchi lo trascinò fuori dal lavoro di catena di montaggio. Yokoi è stato presto spostato dai servizi di manutenzione allo sviluppo del prodotto. A causa del suo background di elettrotecnica, divenne presto evidente che Yokoi era piuttosto abile nello sviluppo di giocattoli elettronici. Questi dispositivi avevano un valore di novità molto più elevato rispetto ai giocattoli tradizionali, consentendo a Nintendo di addebitare un margine di prezzo più elevato per ciascun prodotto. Yokoi ha continuato a sviluppare molti altri giocattoli, tra cui il puzzle Ten Billion Barrel, una macchina da lancio chiamata Ultra Machine e un Love Tester. Un’altra sua invenzione, in collaborazione con Masayuki Uemura di Sharp, è stata il Nintendo Beam Gun Game, il precursore di NES Zapper (utilizzato in giochi come Duck Hunt). Nintendo ha rilasciato la prima pistola ad energia solare, la Nintendo Beam Gun,

nel 1970; questa fu la prima pistola ad incandescenza disponibile in commercio, prodotta in collaborazione con Sharp.

nel 1971, Nintendo aveva ancor prima della commercializzazione della prima console domestica negli Stati Uniti – un’alleanza con il pioniere americano Magnavox per sviluppare e produrre pistole optoelettroniche per l’Odissea (pubblicato nel 1972), poiché era simile a quello che Nintendo era in grado di offrire nel mercato giapponese del giocattolo negli anni ’70”.

Nel 1972, Nintendo ha rilasciato l’Ele-Conga, una delle prime drum machine programmabili. Potrebbe riprodurre ritmi pre-programmati da schede perforate a forma di disco, che potrebbero essere modificate o programmate dall’utente, per riprodurre pattern diversi.  1972-presente: giochi elettronici Nel 1972, la prima console per videogiochi disponibile sul mercato, la Magnavox Odyssey, aveva un accessorio per fucili leggeri, la Shooting Gallery. Questo è stato il primo coinvolgimento di Nintendo nei videogiochi.

Nel 1973, la sua attenzione si spostò sui luoghi di intrattenimento per famiglie con il Laser Clay Shooting System, usando la stessa tecnologia di light gun usata nella serie di giocattoli di Nintendo Kousenjuu, e allestita in piste da bowling abbandonate. Dopo un certo successo, Nintendo ha sviluppato diverse altre macchine per fucili leggeri per la scena arcade emergente. Mentre le gamme del sistema Laser Clay Shooting dovevano essere chiuse a causa di costi eccessivi, Nintendo aveva trovato un nuovo mercato.

Nel 1974, Nintendo si assicurò i diritti per distribuire la console per videogiochi Magnavox Odyssey in Giappone. Color TV-Game 6 Articolo principale: Gioco TV a colori Il primo sistema di videogiochi di Nintendo, il Color TV Game 6 Nintendo in questo momento ha visto il successo dei videogiochi e ha iniziato a dilettarsi con loro. Il loro primo passo in quel campo fu quello di garantire i diritti per distribuire il Magnavox Odyssey in Giappone

Nel 1975. Le console di videogiochi domestiche erano estremamente rare, persino le semole come quella di Atari Pong non erano ancora state prodotte. Dopo aver riscontrato un discreto successo in questo, Nintendo ha iniziato a sviluppare i propri videogiochi, sia per la casa che per i portici. Negli anni ’70, Mitsubishi Electric propose lo sviluppo congiunto di “Color TV Game Machine”.

Nel 1977 pubblicarono “Color TV Game 6” e “Color TV Game 15” (6 e 15 indica il numero di giochi). Il loro primo videogioco arcade fu l’EVR Race del 1975, una manciata di altri seguirono nei successivi anni, Radar Scope e Donkey Kong tra i più famosi di questi. I primi anni ’80 vide la divisione di videogiochi Nintendo (guidata da Yokoi) che creava alcuni dei suoi titoli arcade più famosi. La massiccia popolare Donkey Kong è stata creata

nel 1981, con Shigeru Miyamoto come sua mente, e rilasciato nelle sale giochi e sui sistemi di videogiochi Atari 2600, Intellivision e ColecoVision (anche se Nintendo in genere non aveva alcun coinvolgimento con queste prime console). Questo metodo di rilascio sarebbe stato utilizzato in diversi giochi arcade Nintendo successivi di questo stesso periodo, incluso l’originale Mario Bros. (da non confondere con i successivi Super Mario Bros.) Oltre a questo arcade e all’attività console dedicata, Nintendo stava testando il videogioco palmare consumer abbonda con Game & WatchG è una linea di giochi elettronici portatili prodotta da Nintendo

dal 1980 al 1991. Creata dal game designer Gunpei Yokoi, ogni Game & Watch presenta un singolo gioco da giocare su uno schermo LCD oltre a un orologio e / o un allarme. È stato il primo prodotto Nintendo a raccogliere importanti successi, con 43,4 milioni di unità vendute in tutto il mondo.

Nel 1982, Nintendo ha sviluppato un sistema prototipo denominato “Advanced Video System” e aveva controller come il NES. C’erano accessori come un’unità a nastro, un joystick e una pistola a proiettili, e insieme a tutto ciò, il sistema era fatto di un computer, molto simile a Atari 400, Commodore Vic-20 e Commodore 64. Non è mai stato rilasciato ed è in mostra al Nintendo World Store di New York.

Nel 1983, Nintendo rilasciò il sistema Famicom, che fu il suo primo tentativo di console per videogiochi basata su cartucce. Il sistema ha venduto oltre 500.000 unità entro due mesi ad un prezzo di circa $ 100 USD. Tuttavia, dopo alcuni mesi di vendite favorevoli, Nintendo ha ricevuto lamentele sul fatto che alcune console Famicom si bloccassero quando il giocatore tentava di giocare determinati giochi. La colpa è stata trovata in un chip malfunzionante e Nintendo ha deciso di richiamare tutte le unità Famicom che erano attualmente sugli scaffali dei negozi, che alla fine costavano circa mezzo milione di dollari [citazione necessaria]. Durante questo periodo, Nintendo riaccese il desiderio di rilasciare Famicom negli Stati Uniti. Poiché la società aveva pochissima esperienza con il mercato statunitense, in precedenza avevano tentato di contrattare con Atari per la distribuzione del sistema nel 1983. Tuttavia, un fiasco che coinvolse Coleco e Donkey Kong inasprì la relazione tra i due durante i negoziati e Atari si rifiutò di indietro la console di Nintendo.

Nel 1983-1985, una recessione su larga scala nelle vendite di videogiochi ha colpito il mercato, con una diminuzione del 97% principalmente nell’area nordamericana. La recessione nota come “crash del videogioco del 1983” è stata causata da alcuni fattori principali, tra cui l’inondazione del mercato delle console, la concorrenza dei computer domestici, l’inflazione e la perdita del controllo editoriale. Il crollo del videogioco del 1983 presto portò via non solo Atari, ma la stragrande maggioranza del mercato americano stesso. Nel corso del tempo, il dominio sul mercato si è spostato dall’America al Giappone. Nintendo ha iniziato ad esportare in America e aveva praticamente un solo principale concorrente sul mercato, Sega, che era un’altra società giapponese. Il Nintendo Entertainment System (NES), pubblicato nel 1985, è una delle console più popolari di tutti i tempi.Nintendo era determinata a non commettere gli stessi errori negli Stati Uniti che aveva Atari. A causa dei massicci afflussi di giochi che erano considerati tra i peggiori mai creati, i giochi si erano quasi completamente estinti in America. Nintendo decise che per evitare di affrontare gli stessi problemi, avrebbero consentito ai giochi che avevano ricevuto il loro “Marchio di Qualità” di essere venduti per Famicom.

Nel 1985, Nintendo annunciò che stavano distribuendo Famicom  in tutto il mondo con un design diverso sotto il nome di Nintendo Entertainment System (NES). Hanno usato una tattica creativa per contrastare la cattiva opinione che i media stavano dando ai videogiochi e hanno rilasciato il NES con R.O.B. unità collegate alla console e sincronizzate con i giochi. Per garantire la localizzazione di giochi di altissima qualità da parte di sviluppatori di terze parti, Nintendo of America ha limitato il numero di titoli di giochi che gli sviluppatori di terze parti potrebbero pubblicare in un solo anno a cinque. Konami, la prima azienda di terze parti che è stata autorizzata a fabbricare cartucce per Famicom, avrebbe in seguito eluso questa regola creando una società spin-off, Ultra Games, per rilasciare giochi aggiuntivi in ​​un solo anno. Altri produttori impiegarono presto la stessa tattica. Sempre nel 1985, Super Mario Bros. fu rilasciato per Famicom in Giappone e divenne un grande successo. Il Nintendo prova commercializzato il Nintendo Entertainment System nell’area di New York il 18 ottobre 1985. Ampliarono il test a Los Angeles

Nel1986, seguito da test a Chicago e San Francisco. Sarebbero diventati nazionali entro la fine del 1986, insieme a 15 giochi, venduti separatamente. Negli Stati Uniti e in Canada, ha sovraperformato i suoi concorrenti con un ampio margine. Questo è stato anche l’anno in cui sono stati pubblicati Metroid e Super Mario Bros.2

Nel 1987, The Legend of Zelda è stato rilasciato con grande successo di critica.

Nel 1988, Nintendo of America ha presentato Nintendo Power, una rivista mensile di notizie e strategia di Nintendo che ha pubblicizzato nuovi giochi. Il primo numero pubblicato è stato l’edizione di luglio / agosto, che ha messo in risalto il gioco NES Super Mario Bros. 2. Nintendo Power ha cessato la pubblicazione con la sua edizione di dicembre 2012.

Nel 1989, Nintendo (che aveva visto un grande successo da Game & Watch) pubblicò il Game Boy (entrambi creati da Gunpei Yokoi), insieme al gioco di accompagnamento Tetris. A causa del prezzo, del gioco e della sua durata (a differenza della precedente Microvision della Milton Bradley Company, che era incline al decadimento statico e dello schermo), la linea Game Boy ha venduto molto bene, accumulando vendite per 118 milioni di unità. Successivamente, Super Mario Land è stato anche distribuito per Game Boy, che ha venduto 14 milioni di copie in tutto il mondo. Il 1989 è stato anche l’anno in cui Nintendo ha annunciato il sequel di Famicom, che si chiamerà Super Famicom.  L’ultimo grande gioco di prima parte per il NES,

Nel 1990 è stato rilasciato Super Mario Bros e ha venduto oltre 18 milioni di unità. È stato seguito da un adattamento televisivo con licenza chiamato Super Mario Bros. Super Show !, che è stato distribuito da DIC Entertainment e Viacom Enterprises in quell’anno per capitalizzare l’immensa popolarità del gioco. Il Super Famicom è stato rilasciato in Giappone il 21 novembre 1990. Il lancio del sistema ha avuto un grande successo e il Super Famicom è stato venduto in tutto il Giappone entro tre giorni, vendendo 1,6 milioni di unità entro il giugno 1991

.Nel 1991, il Super Famicom fu lanciato negli Stati Uniti sotto il nome di “Super Nintendo Entertainment System” (SNES), seguito dall’Europa nel 1992.

Nel 1992, Gunpei Yokoi e il resto della R & S 1 iniziarono a pianificare una nuova console di realtà virtuale chiamata Virtual Boy. Hiroshi Yamauchi acquistò anche quote di maggioranza dei Seattle Mariners nel 1992 

Nel 1993, Nintendo era diventata una delle prime dieci società leader nel mondo. Nintendo ha annunciato l’intenzione di sviluppare una nuova console a 64 bit con nome in codice Project Reality che sarebbe in grado di rendere completamente ambienti e personaggi 3D.

Nel 1994, Nintendo affermò anche che Project Reality sarebbe stato ribattezzato Ultra 64 negli Stati Uniti. Il moniker Ultra 64 è stato svelato nelle sale giochi del gioco di combattimento del marchio Nintendo Killer Instinct e del gioco di corse Cruisin ‘USA. Killer Instinct è stato successivamente pubblicato su SNES. Poco dopo, Nintendo si rese conto di aver scelto erroneamente un nome per la loro nuova console di cui la società Konami possedeva i diritti. In particolare, solo Konami avrebbe i diritti di rilasciare giochi per il nuovo sistema chiamato Ultra Football, Ultra Tennis.

Nel 1995 Nintendo ha cambiato il nome definitivo del sistema per Nintendo 64, e ha annunciato che sarebbe stato rilasciato nel 1996 hanno mostrato anteprime del sistema e diversi giochi, tra cui Super Mario 64, ai media e al pubblico.

Nel 1996, Pocket Monsters (conosciuto a livello internazionale come “Pokémon”) è stato rilasciato in Giappone per un enorme seguito. La serie di Pokémon, creata da Satoshi Tajiri, si stava dimostrando così popolare in America, Europa e Giappone, che per un breve periodo Nintendo ha preso il posto del potere supremo nell’industria dei giochi.

Nel 1997, il creatore di Game Boy e Metroid Gunpei Yokoi morì in un incidente d’auto all’età di 56 anni, il Game Boy Color è uscito in Giappone, con uscite in Nord America ed Europa un mese dopo. Game Boy Advance e GameCube Articoli principali: Game Boy Advance e GameCube GameCube con controller e scheda di memoria da 251 blocchi Nintendo ha rilasciato il Game Boy Advance in Giappone

Nel 2001, seguito dal lancio nordamericano e dal lancio europeo Nintendo ha rilasciato la console per videogiochi GameCube il 14 settembre 2001, in Giappone. È stato rilasciato in Nord America il 18 novembre 2001, in Europa il 3 maggio 2002 e in Australia il 17 maggio 2002.

Nel 2002, Minoru Arakawa si è dimesso da presidente di Nintendo of America, e Nintendo ha nominato Tatsumi Kimishima come suo successore. Sempre nel 2002, Hiroshi Yamauchi si dimise da presidente di Nintendo e nominò Satoru Iwata il suo successore.  Nello stesso anno, la dott.ssa Wei Yen, esperta di Nintendo e della Cina, ha co-fondato iQue per produrre e distribuire console e giochi Nintendo ufficiali per il mercato cinese continentale con il marchio iQue. Le tattiche commerciali aggressive di Nintendo in Europa li avrebbero raggiunti. La Commissione europea ha stabilito che Nintendo si era impegnata in pratiche commerciali anticoncorrenziali con prezzi fissi risalenti almeno all’inizio degli anni ’90. Ciò ha comportato una pesante multa contro la società – 149 milioni di euro, una delle maggiori sanzioni antitrust applicate nella storia della commissione

Nel  2004, Nintendo ha annunciato l’intenzione di rilasciare un nuovo marchio di palmare, non correlato al Game Boy, con due schermi, uno dei quali era sensibile al tocco. Il Nintendo DS, ha ricevuto oltre tre milioni di pre-ordini. Oltre al touch screen, il DS può anche creare grafica tridimensionale, simile a quella del Nintendo 64, anche se la mancanza di supporto hardware per il filtro trama risulta in una grafica più pixelizzata rispetto al Nintendo 64. Il presidente Satoru Iwata ha riassegnato tutti i progettisti software di Nintendo con nuovi manager e diverse divisioni; la maggior parte delle risorse sono state assegnate a Shigeru Miyamoto e Takashi Tezuka e alla divisione Nintendo EAD.

Nel 2005, Nintendo ha aperto il suo primo negozio al dettaglio accessibile al grande pubblico, il Nintendo World Store, presso il Rockefeller Center di New York. Consiste di due piani e contiene molti chioschi di giochi GameCube, Game Boy Advance e Nintendo DS. Ci sono anche vetrine piene di cose del passato di Nintendo, tra cui Hanafuda, il primo prodotto di Nintendo. Hanno festeggiato l’inaugurazione con un block party al Rockefeller Plaza. All’E3, nel maggio 2005, Nintendo ha presentato il primo prototipo per il loro sistema di “nuova generazione”, nome in codice Nintendo Revolution (ora noto come Wii), il cui controller è stato rivelato al Tokyo Game Show nello stesso anno.

Nel 2006, Nintendo ha annunciato una nuova versione del suo portatile Nintendo DS, il Nintendo DS Lite, progettato per essere più piccolo e leggero, con uno schermo più luminoso. È stato lanciato in Giappone, Sempre nel 2006 e tre mesi dopo in Nord America ed Europa, Reggie Fils-Aimé è stata promossa a Presidente e COO di Nintendo of America, Inc. L’ex Presidente, Tatsumi Kimishima, è stata promossa a Presidente del Consiglio di amministrazione e CEO

Nel 2007, Nintendo of America ha chiuso i suoi forum ufficiali, i forum NSider, a tempo indeterminato a causa di un’importante revisione del loro sito. Per mesi prima, i tagli al dipartimento online di Nintendo of America hanno portato alla riduzione delle ore di chat di NSider e alla sostituzione del loro evento annuale Camp Hyrule – tenutosi nel mese di agosto – con un concorso a premi. Nel frattempo, Nintendo ha incoraggiato i fan a gestire i propri forum. Anche la sezione del forum di Nintendo-Europe del loro sito è stata ufficialmente chiusa una settimana dopo a causa di un rinnovamento del sito, ma era offline per “problemi di sicurezza” dal giugno di quell’anno. Il 19 dicembre 2007, Nintendo ha aperto un forum solo per supporto tecnico. Sempre nel 2007, Nintendo ha annunciato il nuovo Managing Director di Nintendo Australia, Rose Lappin. È la prima responsabile femminile di Nintendo in una delle sue filiali e ha lavorato per Nintendo prima di iniziare in Australia come direttore delle vendite e del marketing per Mattel e ha ricoperto quel ruolo fino a quando non è stata annunciata come Managing Director

Nel 2008, Nintendo ha rilasciato una versione aggiornata del Nintendo DS Lite in Giappone; il Nintendo DSi. Include tutte le funzionalità del Nintendo DS Lite, ma include una telecamera all’interno e all’esterno del sistema e funzionalità più nuove. È il primo sistema di gioco portatile fabbricato da Nintendo che consente il download di contenuti di gioco sul sistema. Il Nintendo DSi è stato rilasciato in Australia, in Asia,  in Europa, e in Nord America.

Nel  2011, Nintendo 3DS è stato rilasciato in Giappone. È stato rilasciato in Europa e negli Stati Uniti. Il 3DS era parte di una grande ondata di tecnologie 3D rilasciate al momento; a differenza della maggior parte di questi, il 3DS non utilizzava occhiali 3D per il suo effetto 3D, e invece utilizzava l’autostereoscopia della parallasse. Il 25 aprile 2011, Nintendo ha confermato che stavano creando una nuova console da rilasciare nel 2012. La console è stata annunciata con il nome di Wii U. Wii U è la prima console Nintendo in grado di riprodurre videogiochi in 1080p HD. Durante l’Electronics Entertainment Expo del 2011, la conferenza stampa di Nintendo ha messo in evidenza le capacità e le innovazioni del nuovo controller, un’unità simile a un tablet. Molti giocatori sono rimasti confusi dopo la conferenza stampa sul fatto che Wii U sia un sistema completamente nuovo o solo un nuovo controller per Wii. Il Wii U era, tuttavia, un sistema di console di casa completamente nuovo sviluppato da Nintendo.

Nel 2012 in Nord America, Europa e in Australia, e in Giappone. [ Presenta un nuovo controller con un touchscreen da 6,2 pollici, due pad per il pollice, quattro pulsanti per le spalle, un pad direzionale e quattro pulsanti a lettere. Comprendeva anche un accelerometro, giroscopio, fotocamera, comunicazioni Near-field (NFC) e microfono incorporato, simili a quelli della Nintendo 3DS.  La console dello switch Nintendo nel dock con controller Joy-Con rosso e blu.

Nel2015, Satoru Iwata morì a causa di un tumore del dotto biliare all’età di 55 anni. Dopo la sua morte, Shigeru Miyamoto e Genyo Takeda guidarono congiuntamente la compagnia a titolo provvisorio fino alla nomina di Tatsumi Kimishima come successore di Iwata il 16 settembre 2015. Oltre all’appuntamento, Miyamoto è stato nominato “Creative Fellow” mentre Takeda è stato nominato “Technology Fellow”.  Nintendo Switch Articolo principale: Nintendo Switch

Nel 2016, Nintendo ha rivelato un nuovo sistema chiamato Nintendo Switch, che è stato rilasciato il 3 marzo 2017. Si tratta di una console ibrida per videogiochi con controller rimovibili con un’enfasi sulla portabilità e sul multiplayer in movimento a differenza dei concorrenti della PlayStation. 4 e Xbox One. Nell’anno in cui è uscito lo Switch, Nintendo ha messo in scena The Legend of Zelda: Breath of the Wild e Super Mario Odyssey, entrambi i giochi con il consenso della critica che hanno aiutato a vendere milioni di unità nel primo anno della nuova console, culminando infine con la Leggenda di Zelda: Breath of the Wild è stato nominato Game of the Year 2017.

Nel 2018, lo Switch è diventato molto più popolare quando è uscito il gioco di crossover “Super Smash Bros. Ultimate”.

Quotazione andamento azioni Nintendo

ll gruppo Nintendo  ha chiuso l’esercizio  2018 con di  fatturato 1200 miliardi di yen in aumenti rispetto ai 1055 del  2017.

Maggiori azionisti Nintendo

Azionista
Parametric Portfolio Associates0,43%
Gilder, Gagnon, Howe & Co.0,35%
Foresters Investors Management Company, Inc0,10%
Thomas White International Ltd0,04%
Gagnon Securities, LLC0,02%
Hartline Investment Corporation0,02%
Boston Common Asset Management, LLC0,02%
Empirical Capital Management, LLC0,02%
Confluence Investment Management, LLC0,01%

Maggiori azionisti Fondi Comuni Nintendo

Azionista
Fidelity OTC Portfolio0,60%
Calamos Strategic Total Return Fund0,21%
Wells Fargo Omega Growth Fd0,17%
Wells Fargo Enterprise Fd0,16%
PNC Fds, Inc-International Equity Fd0,14%
Fidelity Blue Chip Growth Fund0,14%
Chartwell Fds–Berwyn Income Fd0,14%
Fidelity Strategic Advisors Small-Mid Cap Fund0,07%
Fidelity Series Blue Chip Growth Fund0,03%
Wells Fargo Endeavor Select Fd0,03%
Bull N Bear

Pin It on Pinterest