Azioni  Carige

Simbolo  CRG

Codice Isin IT0003211601

Lotto minimo n° 1000 azioni

Titolo adatto per trading in opzioni :  NO

Presente nel paniere dell’indice della Borsa Italiana

Segmento MTA

Azioni Carige quotazione

 

trading bull n bear

Carige
Fondazione  1483
Borse Milano Piazza Affari

 

Settore Bancario
Titoli del settore
Prodotti Servizi Finanziari
Fatturato 715, milioni di € (2015)
Utile netto -380 milioni di  € (2017)
Dipendenti 5295  (2014)
Web http://www.gruppocarige.it

Come fare trading su azioni Carige

azioni bull n bear Acquistando Azioni  Carige

 

 

News Quotazione Banca Carige

Clicca sul testo per leggere l’articolo

intopic.it

 

Descrizione Azienda Gruppo Banca Carige

Banca Carige (acronimo di Cassa di Risparmio di Genova e Imperia) è una banca italiana con quartier generale a Genova e sedi in tutta Italia.

Banca Carige svolge il ruolo di Capogruppo del Gruppo Banca Carige ed ha accentrato presso di sé le funzioni di indirizzo, coordinamento e controllo. Ha un forte radicamento territoriale (anche attraverso i marchi delle incorporate Cassa di Risparmio di Savona e Cassa di Risparmio di Carrara) e dalla prevalenza del segmento retail; Banca Cesare Ponti, storica banca milanese è focalizzata invece sul segmento Private Banking.

Gruppo consta di 527 sportelli bancari, diffusi in 13 regioni. L’attività bancaria e’ svolta dalle banche del Gruppo: Banca Carige, Banca del Monte di Lucca e Banca Cesare Ponti.

La banca è quotata nell’indice FTSE Italia Small Cap della Borsa di Milano dove è presente dal 1995.

Il commissariamento di Carige

Con le dimissioni della maggioranza del CdA, dal 2 gennaio 2019 la banca è in amministrazione straordinaria e la BCE nomina commissari Fabio Innocenzi, Pietro Modiano e Raffaele Lener; viene nominato inoltgre un comitato di sorveglianza composto da Gian Luca Brancadoro, Andrea Guaccero e Alessandro Zanotti.

Si tratta del primo caso in Italia in cui la  BCE Banca Centrale Europea ha disposto l’amministrazione straordinaria di un istituto di credito, in base ai poteri di vigilanza sugli istituti di maggiore dimensione

La garanzia dello Stato

Dal 2 gennaio 2019 la Consob ha sospeso le azioni Carige dalle contrattazioni.

Con Decreto Legge 1/2019, il Governo  ha stanziato 3 miliardi di euro a titolo di garanzia sulle obbligazioni che Carige andrà ad emettere fino al 30 giugno 2019: in cambio, Carige si obbliga a versare allo Stato una commissione per la garanzia prestata, pari allo 0.40% (0.50% se l’obbligazione eccede i 12 mesi) del valore dell’emissione sommato ad un coefficiente che prende in considerazione i titoli CDS di titoli di Stato europei, italiani e di un paniere composto gruppi bancari europei.

Inoltre, destina al Ministero dell’Economia e delle Finanze 1 miliardo per procedere ad una eventuale ricapitalizzazione di Carige da qui al 30 settembre 2019 e 300 milioni di euro per l’erogazione di liquidità di emergenza. Viene prevista l’applicazione del burden sharing in caso di sottoscrizione del capitale da parte dello Stato.

Nel febbraio 2019 i commissari hanno presentato il piano industriale 2019-2023 dal titolo “Riprendiamoci il futuro”: che prevede un maggiore aumento di capitale (dai 400 previsti inizialmente a 630 milioni), la cessione di 2,2 miliardi di crediti deteriorati e il taglio di mille posti di lavoro e di 100 sportelli.

 

Andamemto Gruppo Banca Carige

Carige ha chiuso il 2017 con una perdita netta di 380,5 milioni di euro a seguito di svalutazioni per 738 milioni.

Viene indicato un coefficiente patrimoniale Cet1 al 12,4%, grazie – si legge in una nota della banca – al successo del rafforzamento patrimoniale di oltre 1 miliardo di euro (544 milioni con l’aumento di capitale), mentre il rapporto tra crediti deteriorati e impieghi (Npe Ratio) si è assestato al 17,1%, con l’obiettivo di scendere al di sotto del 10% entro la fine dell’anno.

In esecuzione degli obiettivi di riduzione del rischio del piano industraile, la Banca ha perfezionato il de consolidamento di 2,2 miliardi di euro per i Gbv (gross book value) di sofferenze tramite due operazioni distinte:

una cartolarizzazione  di € 940 milioni  con garanzia dello Stato cessione di un portafoglio Credito Fondiario di €1,2 miliardi GBV finalizzata.

Entro il 2018  lo stock complessivo di credito deteriorato netto è previsto attestarsi a 1,5 miliardi di euro.

Azionisti Carige

Gabriele Volpi è salito dal 6 al 9% di Banca Carige, attraverso la Compagnia Financiera Loenstar diventando il secondo maggiore azionista alle spalle della famiglia Malacalza (cresciuta  dal 17,6 al 20,6 per cento).

Azionista %
COMPANIA FINANCIERA LONESTAR SA 9,07%
MALACALZA INVESTIMENTI SRL 27,55%

 

Quotazione Carige
4.7 (93.33%) 6 voti
Bull N Bear