FacileETF è l’acronimo di Exchange Traded Funds. E’ un fondo comune negoziato in Borsa italiana, a differenza di altri fondi si limita a replicare il sottostante di riferimento. Può essere acquistato o venduto come fosse una azione.

ETF con leva, ETF short o long e opzioni su ETF

ETF:

  • Con leva:  non si limitano a replicare un indice, ma che permettono di amplificare i movimenti dell’indice di riferimento;
  • Short/long:  permettono di seguire l’indice di riferimento;
  • Su opzioni put o call che hanno come sottostante gli ETF.

ETF a replica fisica o ETF a replica sintetica?

Gli ETF possono essere ETF a replica fisica, se si comprano direttamente i titoli che fanno parte degli indici che replicano, oppure ETF a replica sintetica, che investono in titoli diversi e poi replicano l’indice per mezzo di un contratto di swap.

Vantaggi dell’ETF

I vantaggi sono:

  1. Facilità di acquisto;
  2. Possibilità di investire piccole cifre;
  3. Possibilità di essere venduti in ogni momento grazie alla trattazione continua.

I rischi degli ETF

I rischi dipendono principalmente dal mercato d’investimento. Gli ETF a leva sono più rischiosi di quelli azionari che a loro volta sono più rischiosi degli obbligazionari. Essendo dei fondi comuni, il portafoglio dell’ETF è distinto da quello del gestore, il fallimento del gestore non comporta l’azzeramento dell’ETF. Gli ETF sintetici, avendo al loro interno uno swap, sono soggetti al rischio che la controparte dello swap possa fallire. Un altro rischio è quello dello scostamento del valore del fondo rispetto all’indice di riferimento. Nei periodi di grande volatilità dei mercati può arrivare anche al 3%. Esistono ETF che sono disallineati rispetto al sottostante.

Quanto costa investire in ETF?

Essi hanno costi inferiori rispetto ai fondi comuni. Non hanno commissioni di ingresso o di uscita, spese di performance, richiedono il pagamento dei costi di compravendita in Borsa richiesti dalla banca. Le spese di gestione rappresentate nel TER (Total Expense Ratio) degli ETF raramente superano lo 0,7% nel caso in cui investano in mercati emergenti e sono solitamente inferiori allo 0,3% nel caso in cui investono nelle Borse dei Paesi sviluppati.

Differenza tra ETF e ETFS

L’ETF è un fondo comune, l’ETFS no, è un contratto che replica l’andamento di un indice azionario, oppure  il  prezzo di una materia prima, o il cambio di una valuta, o di un indice obbligazionario. Se l’ETFS replica l’andamento di una materia prende il nome di  ETC (Exchange Traded Commodities) , negli gli altri casi  ETN (Exchange Traded Notes). Gli ETN e gli ETC, pur replicando passivamente un indice, non sono un fondo,  non possiedono pertanto nessun titolo. Se l’emittente fallisce  sia l’ ETN che l’ ETC non hanno nessuna copertura per cui il loro valore tenderà a zero.

Altre guide

Che cosa sono:

 Opzioni
 Azioni
 Futures
 CFD
 ETF
Fondi
Che cos’è un ETF?
3.8 (76.92%) 13 voti
Bull N Bear
Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter!

Entra nella nostra mailing list per rimanere aggiornato sui nuovi articoli. Non ti perderai nessun nuovo post.

Registrazione avvenuta con successo!